Pedemontana veneta insostenibile, costosissima e dannosa: un altro Mose ma di asfalto

L'opinione della deputata Sara Cunial (M5S) e l’ex senatore vicentino del M5S, Enrico Cappelletti

Un tratto della pedemontana

«Siamo qui per accendere un faro sullo scempio ambientale, democratico ed economico che è Pedemontana Veneta, un’infrastruttura ripetutamente bocciata dalla Corte dei Conti a dagli organi di controllo, che continua ad essere imposta illegittimamente ai cittadini e alle loro tasche»: lo affermano la deputata Sara Cunial (M5S) e l’ex senatore vicentino del M5S Enrico Cappelletti. «La Pedemontana, in quanto project financing, avrebbe dovuto essere pagata dai privati senza oneri per la collettività – continua Cappelletti – ma dai 2,258 miliardi di euro iniziali arriverà a pesare sui bilanci della Regione e sulle tasche degli automobilisti, quindi sui cittadini, oltre 13 miliardi di euro, più del Mose e della Tav messi insieme. Un fiume di denaro, non motivato da alcuna emergenza pubblica. Sembra davvero che chi governa la regione Veneto, come affermato da Anac, abbia più a cuore gli interessi del concessionario che quelli dei propri cittadini»: aggiungono Cunial e Cappelletti. «L’insostenibilità economica di questo fiume di cemento andrà a pesare anche sulle future generazioni. Ogni bambino veneto nascerà con 2.500 euro di debito in più, a causa della Pedemontana». spiega Franco Conte, presidente regionale del Codacons.

«Quest’opera è nata per rispondere a un’emergenza creata a tavolino e già dichiarata illegittima dalle sentenze” ha affermato Osvaldo Piccolotto, consulente tecnico nell'ambito di ricorsi aventi ad oggetto le criticità della Superstrada. “Un’opera basata su numeri del tutto infondati e su futuri flussi di traffico incongruenti con i dati reali, evidenziati anche da studi redatti per conto di Cassa Depositi e Prestiti e Banca Europea degli investimenti - ha spiegato Alberto Baccega, ingegnere, studioso ed esperto di infrastrutture di trasporto - Il livello del pedaggio si collocherà inoltre al massimo di quelli noti in Italia e sarà più che doppio di quello delle autostrade presenti in Veneto, con buona pace delle categorie artigianali e industriali che la invocano come la manna dal cielo».

«L’attenzione ora riguarda la giustizia amministrativa e la corretta applicazione di principi costituzionali, oltre che delle norme dello Stato, principi che vedono tutelare lo sviluppo della cultura e, del pari, il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Salute e utilità pubblica devono venire prima di qualunque altro profitto o arricchimento da conseguire alle spalle dei cittadini»: ha concluso Gianfranco Perulli, avvocato amministrativista iscritto all'Ordine degli Avvocati di Venezia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Elezioni comunali: Chiarano non raggiunge il quorum, Comune commissariato

  • Sport

    La De' Longhi approccia bene la serie: Treviglio sconfitta 75-56 in gara 1

  • Cronaca

    Maxi-rissa in un appartamento, spuntano bastoni e coltelli: undici arrestati

  • Attualità

    Giro d'Italia nella Marca: festa rosa a Crocetta del Montello

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, jackpot sfiorato in un bar di Preganziol

  • Malore fatale in osteria nella notte, 38enne perde la vita

  • Sono due giovani operai le vittime del grave incidente autostradale

  • Arriva il Giro d'Italia a Treviso: ecco tutte le modifiche alla viabilità e dove parcheggiare

  • Taglio fatale all'alluce: anziana muore dopo la pedicure

  • Male di vivere, ex guardia giurata di 27 anni si uccide

Torna su
TrevisoToday è in caricamento