Pedemontana: “Da Delrio è arrivata la conferma di quanto affermato da mesi”

Parole della senatrice del Partito Democratico Laura Puppato: "La realtà dei fatti attesta un sistematico fallimento della politica veneta in infrastrutture e project financing"

MONTEBELLUNA “La SIS è il privato che ha avuto la concessione per la realizzazione della SVP e la Regione è il soggetto istituzionale che ha stabilito questa concessione, se oggi il privato non ha i fondi per concludere i lavori non è colpa di Cassa Depositi Prestiti, non è colpa di ANAS o del Governo. Queste parole del Ministro Delrio confermano quanto vado dicendo ormai da mesi, insultata sui giornali dagli esponenti della Lega Nord che hanno la coda di paglia e dunque si agitano ogni volta che qualcuno gli ricorda protervia ed errori." Lo dice Laura Puppato, senatrice PD.

“Più che esponenti della maggioranza veneta, mi sembrano sempre più giocolieri o camaleonti che cercano di celare la realtà dei fatti che attesta un sistematico fallimento della politica veneta nelle infrastrutture e nei project financing (con condanne a dirigenti e politici anche per corruzione) - continua Puppato - l’orgogliosa giunta regionale del  Veneto invece che ammettere le proprie gravi colpe, spinge per risolvere i disastri prodotti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi auguro lo Stato intervenga per garantire  le imprese che hanno lavorato in subappalto sulla Pedemontana, ma ora, invece d'insultare chi dice il vero, i leghisti rispondano a delle semplici domande. Perché  si è scelto di affrontare la SPV come una devastante autostrada e non come la superstrada leggera a 2 corsie, con varchi frequenti ad uso tangenziale, con costi di 1/3, gratuita e a servizio del territorio, come era nata nel 2001 con il Ministro Nesi? Chi ha scelto di far pagare, pagare e ancora pagare ai Veneti presenti e futuri manie di grandezza supportate dal nulla come queste? Chi avrebbe dovuto verificare e garantire che il privato fosse effettivamente in grado di realizzare l’opera? Come mai ci si è intestarditi in un’opera monumentale quando era evidente che il bilancio dei flussi non poteva sostenerla? Come faremo a sostenere le perdite che per 39 lunghissimi anni dovremo coprire?. Queste le domande e forse la consapevolezza di non poter rispondere li ha spinti a secretare tutto, vietare l'accesso agli atti, impedire di visionare i contratti nel corso di questi 10 anni. La trasparenza e la verità in Veneto fanno paura a chi governa, ma i nodi stanno arrivando al pettine” ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, ecco tutti i check-point per la consegna delle mascherine della Regione

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

  • Coronavirus, ecco l'elenco di tutte quelle attività che restano aperte post Decreto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento