Polemica sul giornalino gratuito di Contarina, Acampora: "Pubblicazione autoreferenziale"

Al centro della polemica l'Ecogiornale in distribuzione nelle case dei trevigiani in queste settimane. "L'azienda esalta il suo sistema di raccolta differenziata come migliore al mondo"

TREVISO "In questi giorni l'azienda Contarina Spa sta recapitando a casa dei trevigiani un giornalino, pagato con i nostri soldi, denominato 'Ecogiornale' dove in una maniera a dir poco ridicola e autoreferenziale l'azienda esalta il proprio sistema di raccolta differenziata come migliore al mondo, vantando gli ottimi risultati raggiunti in tutta la provincia e a Treviso". A dirlo è il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Davide Acampora.

"Come consigliere comunale di questa città - dichiara Acampora - e profondo conoscitore non solo delle problematiche ma anche dell'umore dei cittadini sulla tematica 'raccolta rifiuti', ritengo che questa cattiva informazione 'di regime' sia un insulto nei confronti di tutti i trevigiani che ogni giorno sono costretti a sopportare i numerosi disagi e disservizi di questa azienda la quale, di fatto, ha il monopolio assoluto del settore. Forse l'eccellenza ce l'hanno dentro lo stabilimento ma non di certo nelle strade, e ritengo sia giunto il momento per sbugiardarli".

"Ecco alcuni dati - chiosa il consigliere trevigiano - Raccolta dell'umido soltanto due volte a settimana durante un'estate calda e afosa che costringe i cittadini a tenersi in casa, ad esempio, i resti del melone e dell'anguria per giornate intere rischiando di trovarsi coi vermi. Poi cito l'assenza totale di sfalcio dell'erba in moltissime zona della città, la scarsa cura del verde pubblico e la mancanza totale di pulizia in numerose strade della periferia perché 'non sono contemplate nel Piano di Spazzolamento Annuale'. Ecco, questo vuol dire che se vuoi lo sfalcio o te lo fai da solo oppure chiedi al Comune che paghi un ulteriore costo attingendo ad un fondo di riserva. Infine, intere zone sono ora trasformate in discariche a cielo aperto come in via Pisa, in Dogana e in via Santa Bona Vecchia e chi più ne ha più ne metta. Ci sono bidoncini colorati sparsi ovunque, soprattutto in centro storico, che emanano non un lezzo indescrivibile. Servirebbe un intero libro per descriverli tutti. E voi cari amici siete invece soddisfatti?".

Potrebbe interessarti

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Pranzo in pizzeria, famiglia scappa senza pagare il conto

  • Minorenni ubriachi: schiamazzi, urla e bestemmie davanti alla chiesa

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Infarto in casa, 50enne ricoverato in fin di vita

  • Nuova ondata di maltempo sulla Marca: sottopassi allagati e alberi caduti

  • Ritrovata l'anziana sparita da casa in bicicletta: era svenuta in una vigna

  • Giovane investito sui binari: in tilt la linea Venezia-Udine

Torna su
TrevisoToday è in caricamento