No discarica di amianto a Paese, le firme arrivano in Comune

La delegazione di Paesambiente, Legambiente e di cittadini in Comune a Paese ha consegnato al sindaco della città le oltre settemila firme raccolte contro la discarica "Terra"

Prosegue la battaglia degli ambientalisti e dei cittadini contro il progetto della discarica "Terra" a Paese.

Lunedì pomeriggio la delegazione di Paesambiente, Legambiente e dei cittadini hanno consegnato al sindaco Francesco Pietrobon la petizione accompagnata da 7.371 firme, raccolte per dire ancora una volta “no” alla discarica di amianto di via Baldrocco.

Presenti l’eurodeputato Andrea Zanoni del gruppo ALDE (Alleanza dei Liberali e Democratici Europei), il portavoce di Paeseambiente Mario Zanardo, il Presidente di Legambiente di Trevignano Gianni Pellizzari, l’ex sindaco di Paese, Valerio Mardegan e il Consigliere comunale di Primavera Civica per Paese, Cristina Fucile.

Secondo il progetto del gruppo Mosole, la discarica dovrebbe ricevere 460mila metri cubi di amianto, che andrebbero ad aggiungersi a quelli già conferiti negli anni scorsi.

"Il Sindaco Pietrobon ha sottolineato la sua contrarietà al progetto e ha annunciato che la ribadirà in Commissione Ambiente nell’incontro previsto in Provincia mercoledì 15 maggio - ha dichiarato Zanoni - Questo confronto con il Sindaco ha dato speranza ai cittadini presenti. Mi auguro che la voce loro e dei 7.371 firmatari non rimanga inascoltata e la Provincia di Treviso fermi questo scellerato progetto. Paese ha già sopportato troppo a scapito dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini".

Le firme consegnate al sindaco di Paese arriveranno nelle mani del Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, lunedì 20 maggio, in municipio a San Vendemmiano.

L'iter autorizzativo della discarica "Terra" prevede, dopo la convocazione del gruppo Mosole presso la Quarta Commissione Ambiente della Provincia di Treviso avvenuta lo scorso 8 maggio, l’audizione del Sindaco di Paese sempre in Quarta Commissione, fissata mercoledì 15. A questa seguirà, mercoledì 22 maggio alle 18.30, la convocazione dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale del Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le tre audizioni il Consiglio Provinciale si esprimerà con una delibera che potrebbe definitivamente affossare il progetto. Ma l'ultima parola spetta alla Commissione Regionale per la Valutazione di Impatto Ambientale: solo se quest’ultima dovesse esprimere parere favorevole, il progetto potrebbe essere approvato dalla Giunta Regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento