Banche venete, "La regione chiuda il capitolo dello scontro, non è il momento di fare Nerone"

Lo dice Laura Puppato, senatrice PD e azionista di Veneto Banca: "Nessuna banca regge senza giro d'affari, gli immobili nulla valgono se non c'è gestione finanziaria. Che cosa stiamo aspettando? Sempre e solo lo Stato capace di salvezza?"

MONTEBELLUNA “Siamo di fronte all’ennesimo utilizzo strumentale delle istituzioni da parte della Lega Nord, che sfrutta il dramma delle popolari per attaccare ancora il Governo centrale, unica autorità che sta garantendo, in ogni modo possibile, alle banche la capacità di superare questa crisi. Alla massima autorità politica della regione viene richiesto di seppellire l'ascia di guerra perché la responsabilità per quanto è accaduto dovrebbe impedire di procedere sul terreno franoso della speculazione; è ora di indossare tutti la maglia della nazionale”. Lo dice Laura Puppato, senatrice PD e azionista di Veneto Banca.

“La situazione è, non da oggi, critica, hanno peggiorato la già grave situazione le tante ritorsioni verso le banche in crisi, seppur rette da nuovi amministratori e il grido al lupo al lupo di taluni nostri amministratori regionali privi di scrupoli e responsabilità. Tutti dimentichi dell'obiettivo da raggiungere: il risanamento delle banche, via via svuotate da tanti risparmiatori risentiti e impauriti, quando l'operazione doveva, deve essere l'inverso. Nessuna banca regge senza giro d'affari,  gli immobili nulla valgono se non c'è gestione finanziaria.. che cosa stiamo aspettando? Sempre e solo lo Stato capace di salvezza?!? Non è forse ipotizzabile che questo territorio che ha recuperato la crisi del 2008 con un PIL tornato ai livelli pre-crisi rispetto ad un paese che ci vede ancora 7 punti sotto, un territorio con un primato mai visto sull'export, risulti un boccone interessante per ogni speculatore internazionale finanziario? Perché dovremo permettere agli altri di acquistare con poco ciò che stiamo svendendo ed invece ha un valore? Dobbiamo mantenere la proprietà delle nostre banche per garantire un porto sicuro per le nostre imprese - ha aggiunto ancora Puppato - il Governo ha fatto, sta facendo e continuerà a fare tutta la propria parte, ma dobbiamo pretendere che la nostra Regione faccia la sua, quantomeno non alimentando il panico tra i cittadini e suonando la cetra come Nerone mentre tutto brucia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dobbiamo dirlo chiaramente, non c’è alcun rischio di bail-in, come ripetuto anche dal Ministro Padoan, (che peraltro non metterebbe a rischio né economico né temporale nessun euro sotto i 100.000€ trattenuti dalla medesima persona in un istituto bancario). Va dato atto a personalità come il presidente Lanza che sta lavorando gratuitamente con grande correttezza passione ed efficacia, di essere sprone e garanzia per tutti. È veramente il tempo di fare squadra perché qui si vince o si perde solo credendo in se stessi e soprattutto tutti assieme” ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

Torna su
TrevisoToday è in caricamento