L'assessore Donazzan: «Il reddito di cittadinanza è stato un flop»

L'assessore al Lavoro del Veneto commenta con i colleghi di Liguria e Piemonte i risultati del reddito di cittadinanza criticando l'operato del Ministro 5 Stelle, Luigi Di Maio

«Fratelli d'Italia l'aveva previsto: il reddito di cittadinanza ha fatto flop». Con queste parole gli assessori regionali al Lavoro della Liguria Gianni Berrino, del Piemonte Elena Chiorino e del Veneto Elena Donazzan, commentando la nota del Def (Nadef) ripresa anche da 'Il Sole 24 Ore'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I dati confermano che il reddito di cittadinanza è stato fatto partire troppo in fretta senza avere una regia vera di come si sarebbe sviluppato successivamente e quindi sono stati spesi inutilmente miliardi di euro. Per carità le finalità, cioè aiutare chi non arriva a fine mese, erano giuste- proseguono  Berrino, Chiorino e Donazzan - ma dietro questo nobile intento in realtà si nascondeva quello che abbiamo sempre detto: il reddito di cittadinanza è una mera forma di assistenzialismo che non garantisce nessuna possibilità di trovare lavoro. I dati diffusi confermano che nel 2020 la disoccupazione crescerà e quindi tutto ciò che è stato detto dall'ex ministro al lavoro, oggi agli esteri, Luigi Di Maio si è rivelata un'enorme bufala: non è affatto vero infatti che con il reddito di cittadinanza si sarebbe sconfitta la povertà e si sarebbe dato un lavoro a tutti quelli che oggi non lavoravano. Per fare trovare lavoro– sottolineano i tre assessori regionali - ci vogliono investimenti miliardari di politiche economiche che facciano aprire i cantieri, che facilitino le assunzioni da parte delle aziende e ovviamente,  una volta che i posti si sono creati, misure serie di politiche attive del lavoro per fare finalmente crescere l'incrocio tra domanda e offerta. Ad oggi, invece, siamo solo ad un mero assistenzialismo e dubitiamo anche che nel 2020 il Reddito di Cittadinanza provochi quell'aumento dell'occupazione che il Governo continua a sottolineare come possibile. Riteniamo, altresì, che sarebbe stato più opportuno destinare i denari del reddito di cittadinanza al potenziamento del già esistente assegno del reddito di inclusione e convogliare tutti gli altri miliardi sullo sviluppo economico e quindi sulla creazione di nuovi posti di lavoro» concludono Berrino, Chiorino e Donazzan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento