Referendum Lia Piave, i cittadini di Ormelle e San Polo dicono di no

Le urne, domenica, si sono chiuse alle 22. Oltre il 70% votanti ha espresso parere negativo sulla fusione dei due Comuni in un unico ente

Calano le tenebre sul progetto di Lia Piave, il "super Comune" che dovrebbe unire Ormelle e San Polo di Piave. I cittadini, chiamati alle urne domenica, hanno propeso per il "no".

La sconfitta del progetto, portato avanti dai due sindaci, Andrea Manente e Vittorio Andretta, è partita dall'affluenza alle urne: poco più della metà dei 6.400 aventi diritto ha espresso la propria opinione, che nell'oltre il 70% dei casi è stata negativa in entrambi i Comuni.

La titubanza di fronte alle differenze storiche e amministrative, quindi, ha prevalso sulla volontà di risparmiare unificando i servizi e le risorse. Sebbene la razionalizzazione di alcune spese, tra i due Comuni, sia stata già avviata i cittadini di San Polo e Ormelle preferiscono mantenere lo status quo.

Addio Lia Piave, dunque? Il parere espresso dal referendum non è vincolante, ma certo la Regione, cui spetta l'ultima parola, dovrà tenerne conto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento