Referendum Terralta Veneta, l'esito: no a Villorba e sì a Povegliano

Bocciata la fusione tra i due Comuni. Ma il vero vincitore, domenica, è stato l'assenteismo: complice la giornata di sole, solo il 35% e 38% si sono recati alle urne

VILLORBA - POVEGLIANO - Flop del referendum sulla fusione, domenica a Villorba e Povegliano. Gran parte dei cittadini ha disertato le urne, preferendo ai seggi la passeggiata al mare. E i pochi votanti, il 34,19% a Villorba e il 38,79% a Povegliano, hanno deciso di bocciare la creazione del super-Comune Terralta Veneta, come avvenuto a gennaio per Lia Piave.

A Povegliano è prevalso il sì, con circa il 60% dei voti. Non abbastanza per ribaltare il no secco dato dai cittadini di Villorba, dove il 58,5% ha preferito lasciare le cose come stanno.

Per le amministrazioni dei due Comuni l'esito del referendum rappresenta una ferita bruciante, che secondo il sindaco di Villorba, Marco Serena, avrà come diretta conseguenza l'aumento delle tasse. Povegliano, invece, si prepara a una nuova chiamata alle urne a maggio per eleggere il nuovo sindaco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore durante l'ora di educazione fisica, muore studente 14enne

  • Morto a scuola a 14 anni: la madre ricoverata in ospedale per un malore

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Gita a Venezia con la scuola, mezza classe non scende dal treno di ritorno

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Incidente mortale mentre sta andando a lavoro, muore padre di due bimbe

Torna su
TrevisoToday è in caricamento