Il sindaco di Ponzano non si candiderà alle prossime elezioni comunali

In carica dal 2014 Monia Bianchin ha annunciato di non volersi ricandidare alle prossime elezioni comunali dichiarando: «Lascio una città migliore di quella che ho trovato»

Il sindaco Monia Bianchin (Foto d'archivio)

Dopo un'attenta riflessione il sindaco del Comune di Ponzano Veneto, Monia Bianchin, ha deciso di rinunciare al secondo mandato, non si ricandiderà per la carica di sindaco di Ponzano Veneto alle prossime elezioni amministrative.  

«E’ una decisione importante ma sono convinta sia la scelta giusta - ha commentato il sindaco - In questo mandato ho messo il massimo dell’impegno e della determinazione. Impegno che non sarei in grado di garantire per i prossimi cinque anni. Preferisco così fare un gesto di responsabilità verso la mia comunità e lasciare spazio a chi vorrà fare questa esperienza. Le motivazioni di questa scelta, di natura esclusivamente personale, sono corroborate dalla continua difficoltà in cui si trovano gli enti locali, a partire dal progressivo e incessante limitare delle risorse economiche e umane disponibili, dal crescente incalzare delle problematiche e dalla contestuale esigenza di dare giuste risposte ai cittadini. La tanto sospirata autonomia sembra percorrere un cammino sempre più in salita con tempi dilatati e incerti, mentre le difficoltà e i problemi sono all'insegna dell'oggi. L'impegno non è mai venuto meno e non verrà meno sino alla proclamazione del nuovo sindaco, ma esigenze di altra natura, hanno portato alla decisione di non dare seguito a questo mandato.

Tutta l'attività di questi anni è sempre stata rivolta ai cittadini, alle persone, al bene comune con onestà, trasparenza, competenza, coraggio e senso civico. Ringrazio tutti coloro che mi hanno accompagnato e supportato in questi anni, gli assessori, i consiglieri, i dipendenti comunali, i colleghi amministratori, le associazioni, gli amici e chi ha avuto fiducia in me e nel mio operato.Cinque anni fa i predecessori ci hanno lasciato in eredità problematiche gravi, quali la questione degli impianti sportivi, tennis e piscina, di via Del Bellato, una situazione così compromessa che tutt'oggi, nonostante l'impegno, risulta di non facile e immediata soluzione; nonché la dispensa alimentare che era gestita da delinquenti, i quali, invece di aiutare famiglie in difficoltà, rivendevano la merce ai ristoranti. Situazioni che non hanno fatto brillare il nostro territorio. Senza presunzione, ritengo di lasciare una Ponzano Veneto migliore di quanto fosse nel 2014. Con lo spirito del servizio che ha guidato ogni scelta e azione, resto a disposizione di chi ha a cuore il bene di Ponzano Veneto. Mi auguro - conclude il sindaco - che quanto fatto e progettato da questa amministrazione non venga disperso e possa trovare spazio in una lista civica composta da persone che amino realmente questo nostro comune, che vogliano impegnarsi con dedizione e passione, con lo sguardo rivolto agli altri, che sappiano dialogare e collaborare con altre amministrazioni».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sovraffollato e senza licenza per la disco: "Salotto mondano" stangato

  • Attualità

    Nazione Rom ha denunciato Fratelli d'Italia per diffamazione

  • Incidenti stradali

    Schianto tra due camion e tre auto, caos in tangenziale

  • Attualità

    Sfreccia a 105 all'ora davanti alle scuole: maxi multa per un 47enne

I più letti della settimana

  • Malore fatale nel sonno: imprenditrice perde la vita a 53 anni

  • Vendono arance fingendosi amici dei passanti ma è tutta una truffa

  • Malore improvviso nella notte: il sorriso di Marco si è spento a soli 34 anni

  • Auto si schianta fuori strada: morto ragazzo 19 anni

  • Bollette del gas alle stelle: sotto accusa i nuovi contatori

  • Malore alla guida, si schianta contro un albero e muore a 51 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento