Epilessia, più di 7mila casi a Treviso: terapie a base di cannabis per curarla

Nasce il portale che raccoglie le testimonianze di vita dei malati di epilessia in tutta Italia. 40mila casi in Veneto. È la seconda patologia neurologica più diffusa dopo la cefalea

Parte da Nordest il sito "Insieme per Epilessia", progetto delle associazioni Uniti per Crescere e Aice Padova in collaborazione con i medici di Neurologia-Neurofisiologia della Pediatria dell’Università di Padova. In Veneto sono 40mila le persone affette dalla patologia. Le crisi rimangono la prima causa di chiamata al 118 da parte delle scuole, ma quattro volte su cinque si risolvono da sole o con i farmaci. Maria Roberta Colella e Pietro Moroni: «Obiettivo sradicare luoghi comuni e stereotipi»

In Italia colpisce più di 500mila persone, con 40mila casi in Veneto. È la seconda patologia neurologica più diffusa dopo la cefalea. Non solo: come ricordano i medici, basta essere seguiti correttamente dal punto di vista sanitario per dare alla persona «una migliore qualità di vita». Ciò nonostante di epilessia si fatica a parlare: lo stigma verso una condizione percepita ancora «oscura» rimane alto. Parte da Nordest, quindi, una campagna di sensibilizzazione che raccoglie testimonianze delle persone con epilessia e informazioni scientifiche all’interno del portale www.insiemeperepilessia.it. Un progetto realizzato dall’associazione «Uniti per Crescere», che sostiene i medici di Neurologia-Neurofisiologia della Pediatria dell’Università di Padova e Aice (Associazione Italiana Contro l’Epilessia) Padova, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. «Attraverso la voce dei “protagonisti”, ovvero persone con epilessia e medici che le seguono, vogliamo sradicare alcuni luoghi comuni e stereotipi e ottenere accesso alle agevolazioni inclusive – spiegano Maria Roberta Colella e Pietro Moroni, presidenti rispettivamente di «Uniti per Crescere» e Aice Padova –. Ancor oggi, nonostante gli enormi passi avanti della medicina, si fatica a parlare di epilessia, tanto che molte persone sono costrette a nascondere la loro condizione ai datori di lavoro perché tutt’ora prevalgono i pregiudizi legati a questa patologia. Il nascondere non permette di avere accesso a misure inclusive, seppur esistenti. Il messaggio, invece, che emerge dalle testimonianze raccolte nel portale evidenzia come anche con l’epilessia si può avere una vita normale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente la crisi epilettica è la prima causa di chiamata al 118 da parte delle scuole. Quando, in realtà, l’80% delle crisi si risolve da solo o con la somministrazione di un farmaco. In Veneto sono 40mila i casi di epilessia: a fare il punto della situazione è Concetta Luisi, neurologa, epilettologa e ricercatrice nella Clinica Neurologica dell’Università di Padova, una delle testimonianze del portale. Nella sua intervista parla della terapia chirurgica, «resettiva o palliativa» e di quella farmacologica, «efficace nel 70% dei casi».  Con un giudizio anche sui nuovi farmaci a base di cannabis. «In alcuni casi possono essere efficaci. La componente del cannabidiolo agisce interferendo con il sistema endogeno e modera l’eccitabilità delle cellule nervose».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento