Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Nazionale di basket femminile in ritiro a Treviso: visite di idoneità a Monastier

Prima del raduno Elisa Penna e la vicentina Valeria De Pretto dell’Umana Reyer si sono sottoposte ai test

 

Iniziato ieri a Treviso il raduno della Nazionale Femminile in preparazione all'EuroBasket Women 2019 che si terrà dal 27 giugno al 7 luglio 2019 in  Lettonia e Serbia. Prima degli allenamenti la vicentina Valeria De Pretto Ala dell’Umana Reyer Venezia e la bergamasca Elisa Penna, anch’essa Ala che milita con il Wake Forest University, USA si sono sottoposte a Monastier, già centro di riferimento medico sportivo dell’Umana Reyer Venezia, della Treviso Basket, del Venezia Calcio, del Pordenone calcio e del Mogliano Rugby, alla visita per il rilascio della certificazione di idoneità all'attività sportiva agonistica che consentirà loro di continuare il percorso verso l’EuroBasket Women 2019.

«Siamo a Treviso per inseguire un sogno con la nazionale. Il sogno di fare bene all'europeo e, chissà strappare un biglietto per Tokyo. Questo sarebbe poi un sogno ancora più grande»: ha detto Elisa Penna, Ala in forza al  Wake Forest University, USA. Nel reparto di medicina sportiva diretto dal dottor Totò Giujusa le due atlete sono state sottoposte al controllo dell’acuità visiva, la spirometria, il controllo del senso cromatico, gli esami di laboratorio, la misurazione del peso e poi hanno effettuato l’elettrocardiogramma sia di base che sotto sforzo. «E’ importante tenersi controllati, non eccedere e avere cura del proprio corpo, perché la  la serenità fisica è il primo tassello per la serenità mentale con cui uno deve andare in campo»: ha detto al termine dei controlli la vicentina Valeria De Pretto Ala dell’Umana Reyer Venezia. Per la certificazione medico sportiva agonistica di base la legislazione prevede un elettrocardiogramma di base e uno dopo sforzo, la spirometria, l'esame delle urine e la misurazione dell'acuità visiva.

«Naturalmente se fossero necessari gli esami di secondo livello in Casa di Cura “Giovanni XXIII” c’è possibilità di effettuare sia l'ecografia a tutti i livelli - ecografia normale, ecografia da stress, ecografia trans esofagea- sia gli esami di secondo livello più avanzati dal punto di vista radiologico  con la TAC coronarica e la risonanza magnetica cardiaca anche da stress»: ha detto il dottor Totò Giujusa. «E’ il secondo anno consecutivo che la nostra struttura viene scelta dalla Nazionale Femminile di Basket per gli esami di idoneità sportiva -ha detto Matteo Geretto Responsabile Comunicazione della “Giovanni XXIII”- Lavoriamo ogni giorno per la cura e il benessere delle persone anche attraverso la prevenzione tanto importante per la salute di ognuno».

Potrebbe Interessarti

  • Nei guai mentre cerca di attraversare il Piave: 30enne salvato dall'elisoccorso

  • A Treviso la prima brick house dei Lego a tema Star Wars d'Italia

  • Camion si incendia in autostrada: mezzo devastato dalle fiamme

  • Torte in faccia al pubblico: Steve Aoki infiamma lo Street Food Festival

Torna su
TrevisoToday è in caricamento