Oculistica d'eccellenza: sfiorati i duemila interventi all'ospedale San Valentino

Nell'ultimo anno più ricoveri e interventi complessi nel presidio di Montebelluna che si conferma eccellenza a livello regionale, presieduto dal dottor Stefano Miorin

L’oculistica del San Valentino sempre più attrattiva. A dirlo sono i dati che spiegano come nel 2018, sull'anno precedente, si registra un più 25 e 30 % su ricoveri e interventi totali.  L’inizio del 2019 dà continuità a questo trend di crescita dell’Unità Operativa Complessa di Oculistica del presidio ospedaliero di Montebelluna diretta dal dottor Stefano Miorin. In totale i ricoveri sono saliti da 184 nel 2017 a 262 nel 2018 mentre gli interventi totali da 1664 nel 2017 sono arrivati a 1929 nel 2018. «Si lavora e si cresce creando rete tra i reparti degli ospedali della nostra Ulss 2 Marca trevigiana – sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi – Avere questi numeri significa dare risposte a tutto il nostro territorio di riferimento e senz'altro andremo a potenziare ancor di più questo servizio aumentando le sedute chirurgiche e diminuendo le liste di attesa che ci sono in quanto stiamo parlando di un’eccellenza che attira attenzione e fiducia delle persone».       

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Uoc Oculistica di Montebelluna effettua attività di prevenzione, diagnosi e terapia, sia medica che chirurgica, delle varie patologie dell’occhio, collaborando con l’Uosd Chirurgia Ambulatoriale Oculistica di Castelfranco Veneto nell’ambito del Distretto di Asolo. Si dedica con particolare riguardo a chirurgia delle patologie vitreoretiniche, della cataratta, del glaucoma e dello strabismo e screening, diagnosi e follow-up di ambliopia e strabismo, della degenerazione maculare legata all’età, delle altre patologie retiniche, del glaucoma. «La sinergia con i colleghi di Treviso e Conegliano è una carta vincente – sostiene il dottor Stefano Miorin – come anche la piena collaborazione, nel Distretto di Asolo, con il dr. Tarciso Sibilla che guida la Uosd chirurgica ambulatoriale al San Giacomo di Castelfranco Veneto. Quello che abbiamo sviluppato nell’ultimo biennio è l’attività di gestione e soluzione dei casi più complessi come il distacco della retina. Abbiamo un organico che dimostra grande collaborazione per assicurare sempre una presenza anche nei giorni festivi. Voglio ringraziare di cuore tutte le professionalità in campo, da quelle mediche a quelle infermieristiche. Nello specifico gestiamo ricoveri in giornata nel Day surgery o di tipo ordinario per il tempo necessario per gli interventi più complessi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento