Firmata partnership tra la scuola "Dieffe" di Valdobbiadene e una multinazionale

Si tratta della neozelandese "Fisher & Paykel", azienda leader nel settore delle attrezzature per ristorazione che ha sede a Borso del Grappa

Foto di gruppo per gli allievi

La scuola Dieffe di Valdobbiadene ha stretto un rapporto di collaborazione con la multinazionale Fisher & Paykel, azienda leader nel settore delle attrezzature per ristorazione. La multinazionale neozelandese (che in Italia ha sede a Borso del Grappa) ha concesso in comodato d’uso alla scuola di ristorazione forni tradizionali, piani cottura, forni pizza. In cambio gli studenti della classe quarta metteranno a punto un ricettario sui piatti tipici delle diverse regioni italiane, che sarà fornito ai clienti dei prodotti Fischer & Paykel insieme alle istruzioni d’uso di forni e piani di cottura.

Alla presentazione del progetto di collaborazione tra pubblico e privato, illustrato dal preside della Scuola Dieffe di Valdobbiadene Alberto Raffaelli e da Davide Barbato responsabile marketing della multinazionale di Borso del Grappa Fisher & Paykel, è intervenuta anche l’assessore regionale alla formazione del Veneto, che ha sottolineato la capacità attrattiva verso investitori aziendali esercitata dai poli di formazione del Veneto.  «Dopo la ristrutturazione in collaborazione con Villa Sandi e l’imprenditore Giancarlo Moretti Polegato, ancora una volta Dieffe -ha messo in luce la referente delle politiche regionali per la formazione e il lavoro- vede un’importante azienda del territorio credere nel ruolo formativo dell’istituto professionale. Una multinazionale leader nel settore dei prodotti per la ristorazione, che realizza strumenti di ultima generazione, ha affidato in comodato d’uso attrezzature di alta gamma  per la realizzazione di un ricettario nazionale: un lavoro che gli allievi realizzeranno con un progetto annuale, abbinando al programma di studi uno specifico lavoro di ricerca e sviluppo».

«Una multinazionale che si avvicina ad una scuola professionale partendo dalla sua reputazione e dalla qualità della formazione erogata -ha commentato l’assessore- è la conferma dell’autorevolezza e della credibilità della scuola di ristorazione di Valdobbiadene, diventata un punto di riferimento nel panorama nazionale del comparto. Questo progetto darà la possibilità agli studenti della classe quarta di cimentarsi in un percorso di approfondimento non solo delle tecniche di cottura legate ai prodotti di ultima generazione, ma anche di conoscenza delle differenti produzioni agricole e pietanze tipiche delle regioni e province d’Italia: un modo per formare al meglio gli addetti della ristorazione di domani, chiamati ad essere veri e propri ambasciatori del territorio e delle sue specialità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento