← Tutte le segnalazioni

Altro

Il cartoon del Gruppo Alcuni alle celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo

Vicolo Corti · San Pelaio

Il Gruppo Alcuni di Treviso invitato a Roma per la presentazione delle Celebrazioni del Cinquecentenario dalla morte di Leonardo presso la Galleria Colonna alla presenza di Conte e di numerosi ministri. Anche Gruppo Alcuni è stato invitato alla presentazione delle attività in programma e in corso per il Cinquecentenario dalla morte di Leonardo, programma che è stato presentato questa mattina nella Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio alla presenza di tanti rappresentanti del mondo della politica – dal premier Conte a Salvini e Giorgetti, da Bonisoli a Picchi, Bussetti, Centinaio, da Siri a Galluzzi – e al Comitato Scientifico appositamente formato per aiutare a selezionare i progetti proposti. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha sottolineato il fascino immortale del Genio, che ancor oggi sorprende tutti e che ci rende orgogliosi di avergli dato i natali. Le manifestazioni dedicate a Leonardo sono tantissime, oltre 500, e sono in continuo aumento, ha detto il sottosegretario Lucia Borgonzoni, citando anche il film “Leo da Vinci – Missione Monna Lisa” e la serie cartoon per bambini ideate e prodotte da Gruppo Alcuni. Borgonzoni ha poi aggiunto che la speranza, grazie alle celebrazioni leonardesche, è quella di portare la sua arte in tutti i paesi, e di arrivare a coinvolgere anche i più piccoli centri abitati. Gruppo Alcuni sta facendo proprio questo: con il film “Leo da Vinci – Missione Monna Lisa”, che è già stato venduto in 75 paesi del mondo, porta la straordinaria immaginazione e creatività di Leonardo di fronte agli occhi dei bambini di tutto il mondo… e sappiamo bene che questi ultimi sono poi il tramite per avvicinare anche gli adulti a questi temi. In queste settimane il film è nelle sale canadesi, dove ha aperto il Toronto Youth Film Festival, aggiudicandosi anche il Premio come miglior lungometraggio animato per i giovani. In autunno il film uscirà anche in Cina, coinvolgendo una platea sicuramente grandissima.

Il regista, Sergio Manfio, a settembre ha ricevuto anche il Premio Cinema Leone di Vetro a Venezia. Proprio dallo straordinario successo del film – costato oltre 30 mesi di lavoro di centinaia di professionisti del mondo dell’animazione – è partita l’idea di “Leo da Vinci”, la serie cartoon per la tv dedicata al giovane Genio di Vinci, che ha un grande potenziale di distribuzione, grazie un’animazione di alta qualità e a storie avvincenti e avventurose, in grado di affascinare le bambine e i bambini di tutto il mondo. La serie (52 episodi da 13’ l’uno, sempre per la regia di Sergio Manfio) è realizzata da Gruppo Alcuni in coproduzione con Rai Ragazzi, la tedesca ARD/HR, Cosmos Maya (India/Singapore) e la francese All Rights Enterteinment. Vi si raccontano le avventure del giovane Leonardo da Vinci e dei suoi amici Lisa e Lollo nel 1467 a Firenze, dove li incontriamo nella bottega del Verrocchio, e dove faremo anche la conoscenza di Lorenzo e la sorella Bianca de’ Medici. Ci sono anche dei Pirati al soldo di un malvagio Cospiratore, i quali cercano in tutti i modi di destituire i Medici. Tra un’avventura e l’altra Leo trascorre il tempo libero inventando mille cose utili e altre un po’ meno, facendole provare – spesso con risultati disastrosi e al tempo stesso esilaranti – al fidato amico Lollo. NOTE SULLA SERIE “LEO DA VINCI”: Gli episodi andranno in onda all’interno delle reti di Rai Ragazzi a partire dall’autunno 2019. La serie uscirà in contemporanea in Germania su KiKa (Der KinderCanal, la rete per i ragazzi della televisione pubblica tedesca) e nelle TV dei Paesi dove il lungometraggio ha già ottenuto uno straordinario successo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

  • Grandinata a Santa Maria del Sile

  • "Come sciacalli senza cuore", romanzo ambientato a Castelfranco Veneto

  • Grandine a Settecomuni di Preganziol, foto di Dino Vecchiato

  • Divieto di circolazione ai camion in via Pasteur: zero controlli, residenti in rivolta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento