La 102^ Popolarissima va a Filippo Calderaro della Zalf dopo una spettacolare volata

Splendido lavoro di squadra e primo successo internazionale della stagione per la compagine ciclistica di Castelfranco che guida alla perfezione il padovano sul traguardo

TREVISO La terza perla stagionale della Zalf Euromobil Désirée Fior è, senza dubbio, quella che brilla di più tra quelle conquistate in questo avvio di 2017, nella bacheca custodita dalle famiglie Lucchetta e Fior. A conquistarla, in una domenica pomeriggio semplicemente perfetta, è stato il giovane gruppo guidato nell'occasione dal ds Gianni Faresin, bravo ad interpretare al meglio una prova difficile ed insidiosa come la 102^ Popolarissima. Una gara piatta dal punto di vista altimetrico ma dal parterre dei partecipanti di altissimo livello che comprendeva ai nastri di partenza anche la formazione professional Wilier Triestina Selle Italia.

Tutto si è deciso, come da pronostico, con un affollato sprint a ranghi compatti nel quale, ad interpretare il ruolo di attori protagonisti sono stati proprio gli alfieri della Zalf Euromobil Désirée Fior. Il treno allestito dai ragazzi in casacca bianco-rosso-verde ha pilotato in maniera impeccabile il padovano Filippo Calderaro che ai 250 metri dal traguardo, dopo che si era spostato anche Simone Bevilacqua, impeccabile nel ruolo di ultimo uomo, ha potuto far esplodere tutta la propria potenza scavando un solco incolmabile tra sè e gli avversari. Settima piazza, invece, per Simone Bevilacqua.

Filippo Calderaro, padovano di Fontaniva, classe 1996, dunque, può esultare per la prima affermazione internazionale tra gli under 23: è lui il terzo atleta ad andare al successo in questa stagione per la formazione trevigiana. "Questa vittoria è per la famiglia di Remigio Zanatta che è venuto a mancare in questa settimana. Lui era un grande direttore sportivo e maestro di sport. Come lui lo sono anche i ds che ho la fortuna di avere al mio fianco" ha detto sul palco delle premiazioni il vincitore della Popolarissima numero 102 toccando il cuore dei tanti appassionati presenti. "Sono settimane che Filippo ci dice di stare bene ma, forse, il primo che non credeva fino in fondo alle sue potenzialità era proprio lui" ha raccontato dopo il traguardo un entusiasta Gianni Faresin. "Spero che questa vittoria gli serva per sbloccarsi e per guardare avanti con ancora maggior determinazione. Domenica tutta la squadra è stata impeccabile. Siamo entrati in azione al momento giusto e abbiamo fatto quello che ci eravamo prefissati nel corso della riunione tecnica prima del via. Bene così, questa per il nostro team è sempre una corsa speciale, ricca di significati: vincerla davanti ad avversari del valore di quelli presenti qui è una bellissima soddisfazione".

Gli atleti della Zalf Euromobil Désirée Fior hanno ben figurato anche sul tracciato di Montecassiano (Mc), dove in palio c'era il prestigioso Gran Premio San Giuseppe: dopo essere stati presenti nella fuga di giornata con Nicola Breda e Riccardo Lucca, i ragazzi diretti da Rui e Contessa hanno conquistato la quinta e sesta piazza rispettivamente con Giacomo Zilio e Nicola Conci.

unnamed1-20

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Dalla Rete

    Dramma a Casale, 85enne muore annegato in un pozzetto

  • Cronaca

    Ex risparmiatori all'angolo: "Il fondo potrebbe mettere la parola fine alle speranze"

  • Cronaca

    Mom, accordo raggiunto tra lavoratori e direzione: sciopero sospeso

  • Cronaca

    Minaccia e aggredisce i genitori: 43enne arrestato dai carabinieri

I più letti della settimana

  • Dramma sul Monte Grappa: ritrovato in un canale il corpo di un trentaduenne

  • Colpito da un malore durante l'aperitivo: paura all'Osteria da Nea

  • Tragedia all'ospedale di Conegliano: neonata muore dopo un parto d'urgenza

  • Tragedia all'alba sul Grappa: precipita in un burrone e muore

  • Blitz dei Nas in distilleria: sigilli a dodicimila litri di liquori

  • Musica a tutto volume e superalcolici, 17enne in coma etilico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento