Caso-Zago, Coldebella: “Serve qualcuno che guidi il progetto”

Non tardano ad arrivare le reazioni alla notizia del forfait di bruno Zago alla guida del basket trevigiano. Oltre all'amarezza di Riccardo Pittis si aggiungono le parole del vicepresidente: "Serve un impegno di responsabilità"

Amarezza, rassegnazione e delusione.

LA DECISIONE. Sono le tre sensazioni che vanno per la maggiore dopo l’annuncio shock di Bruno Zago di abbandonare, per ragioni personali, il progetto Basket Treviso.

"MANCA IL PUNTO DI RIFERIMENTO". Ecco per intero le dichiarazioni di Riccardo Pittis, garante di Universo Treviso: “Seppur dura, la realtà va sempre accettata. Con la defezione di Zago è venuto a mancare il punto di riferimento al quale il Consorzio, che al giorno d’oggi può vantare 67 adesioni, si appoggiava per creare la compagine sociale. È giusto comunicare in maniera definitiva la situazione delle cose: chi rappresenta il Consorzio e la dirigenza della Pallacanestro Treviso ha sempre detto la verità, senza omissioni né giri di parole. Non ci siamo mai nascosti: 67 aziende, un milione e quarantamila euro raccolti in due mesi scarsi e molte trattative delicate ancora sono in corso.”

"SERVE UNA PERSONA CHE GUIDI IL PROGETTO". Dello stesso avviso, ma ancora più amaro, Claudio Coldebella, vicepresidente di Pallacanestro Treviso, che prova a trovare una soluzione: “Dopo questa notizia che non ci aspettavamo di certo, serve un impegno di responsabilità. Ribadisco, a questo punto non si tratta di impegno economico, ma di rendersi la responsabilità di guidare il progetto. Finora non possiamo rimproverarci nulla, e fino al 30 giugno continueremo a lavorare, se andrà male sarà la fine del basket a Treviso e le domeniche dei trevigiani e di tanta gente che ci seguiva saranno molto diverse. Dopo la perdita dolorosa della Sisley Volley toccherà anche al basket e il Palaverde diventerà solo un contenitore per un po’ di concerti, non penso sia un bel segnale per e dalla città di Treviso, ma questa, per ora, è la dura realtà.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento