The big bad family brothers in finale lab 2018

Il Treviso Baseball Brothers supera in semifinale il Badia e il Villafranca guadagnando la finale contro il Padova.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

TREVISO Se ipoteticamente fosse stato presente a Villafranca domenica 23 settembre come avrebbe commentato il super cronista del volley Andrea Lucchetta le prestazioni dei Brothers? Sicuramente con sillogismi coloriti, che solo lui può forgiare, del tipo: 'Ha ovalizzato la pallina', 'pallina da museo' o 'fotonizzando la pallina' per descrivere il dirompente attacco dei portacolori della Big Family; 'Hashtag Spavalderia Brothers' quando la squadra è stata chiamata a rischiare e a osare di più... ; 'Hashtag liberate i cani' quando vengono chiamati i giocatori della panchina, che sono più rabbiosi e vogliosi di mettersi in mostra... ; 'Coperture flipperose' o 'Un muro dolomitico patrimonio dell'Unesco' riferendosi alla capacità di fermare e prendere le battute avversarie recuperando le palline che schizzano da tutte le parti, come in un flipper …. e si potrebbe continuare all'infinito con slogan dello stesso tenore per omaggiare questo straordinario Team. Una squadra composta da Signori Giocatori che hanno una straordinaria capacità di non mollare mai, uniti da vincoli atavici di amicizia dove tutto si supera assieme facendo ciascuno la propria parte come una vera Family. Sempre pronti ad alzare la testa anche nei momenti di massima disperazione che ci hanno toccato da vicino a cominciare dall'assenza forzata di Luca Della Coletta. Un giocatore fondamentale ma soprattutto un grande fratello che con la sua straordinaria forza ci da il coraggio di continuare. E con questo patrimonio genetico i Brothers hanno affrontato due pericolose gare che, solo vincendole entrambe, avrebbero permesso di accedere alla finale. Il richiamo della contesa è stato così forte che a rinforzare il team nella prima partita contro il Badia è arrivato a sorpresa Herrera Miguel dalla Sardegna e la nostra prima sister Rombi Tiziana da Sesto S. Giovanni. Il lineup schierato contro i badiesi è formato da Michele Sartori, nell'inusuale ruolo di catcher, Antonio Antiga in prima, Enrico Celotto in seconda, Gabriel Barreto in terza, Roberto Berardi all'interbase, Manuel Asero all'esterno sinistro, Andrea Basso al centro e Salvatore Marcone al destro. Sul monte l'ace Fabrizio Genovese e come DH Miguel Herrera. A disposizione Daniel Rivas, Tiziana Rombi, Luca Pasquinelli, Alberto Fraccaro. La partita nel primo inning vede i Brothers un po' contratti e il punteggio è in bilico 3 a 2 per i nostri portacolori. Ma è uno stallo momentaneo perché poi i trevigiani si sciolgono e segnano incessantemente nei restanti quattro inning portando il punteggio finale sul 16 a 3. Alla fine 12 valide di cui due doppi, un triplo e un fuoricampo interno. Complete game di Genovese, aiutato anche da una difesa impeccabile, e la partita va in archivio. Adesso tocca ai padroni di casa ed è in palio l'unico posto in finale avendo il Villafranca superato il Badia per 10 a 7. Nell'intergirone i Brothers avevano affrontato gli Wizards in un doppio incontro a casa loro dividendo la posta. Le due formazioni si erano studiate e noi eravamo consci che a lanciare ci sarebbe stato Roberto Zagolin, vincitore del secondo incontro. Con l'arrivo del catcher Paolo Celotto, assente al mattino, il lineup schierato per l'occasione ha visto inalterato il lineup eccetto per il lanciatore partente Michele Sartori. Partita di cartellone non adatta ai deboli di cuore! Inizia in attacco il Villafranca e mette a segno un punto. Pronta reazione dei Brothers che rintuzzano nella parte bassa dello stesso inning pareggiando. Secondo inning scoreless per entrambe le formazioni. Inizio del terzo e i veronesi segnano un altro punto. Manco a dirlo replica dei trevigiani che tornano a pareggiare. Nel quarto sono i Brothers a passare in vantaggio, per la prima volta, portando il parziale sul 3 a 2. Ma i veronesi non ci stanno e pareggiano nel quinto inning. Nella parte alta del sesto il Villafranca non segna e inizia l'attacco dei Brothers. A battere la parte bassa del lineup che piazza 2 corridori in base e con due out il gioco si fa duro. Ma è in queste occasioni che i Brothers tirano fuori il meglio di loro stessi e arrivano le valide dei primi tre dell'ordine di battuta che portano il punteggio sul 7 a 3. Settimo inning e ultimo attacco degli Wizards. I Brothers sono determinati a chiudere l'incontro ma nel baseball, lo sappiamo per esperienza proprio contro i veronesi quest'anno, basta un nonnulla per cambiare il corso della partita. Arriva il primo out e poi una base su ball. Il corridore ruba la seconda ma subito dopo arriva il secondo out su una presa al volo. Basta un'eliminazione e si chiude la partita. Il nuovo battitore colpisce una linea sopra la terza che corre verso l'esterno sinistro mentre il corridore vola a casa: 7 a 4. La battuta è così profonda che il battitore corre per la seconda base ma il tiro dell'esterno sinistro sul difensore di seconda da 40 metri, circa, brucia il corridore con un metro di vantaggio. E' finita! I Brothers hanno vinto e si scatena la gioia in campo! Un'indescrivibile emozione coglie tutti Brothers & Sisters che finalmente dopo un lungo e faticoso percorso di regular season e playoff giunge alla meta finale. Finale che ci vedrà impegnati contro gli amici del Padova 88 il giorno 6 ottobre a Castelfranco Veneto alle ore 15,00.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento