Addio pesante in casa Came Dosson: Rangel Taian Pess Pereira ceduto al Kairat

Il giocatore si accasa al club kazako, una delle squadre più forti e prestigiose d'Europa, dopo una sola stagione nella Marca, condita però da ben 26 gol complessivi

CASIER La società Came Dosson comunica di aver ceduto a titolo definitivo il giocatore Pess Pereira Rangel Taian al AFC Kairat, club kazako, una delle squadre più forti e prestigiose d'Europa, che possono vantare di aver raggiunto la Final Four della Uefa Futsal Cup già 7 volte dal 2007 ad oggi, vincendola e diventando Campioni d'Europa nella stagione 2012-13 e 2014-15.

Una sola la stagione in maglia bianco blu per Rangel che però i tifosi della Came e tutti gli appassionati di futsal in Italia ricorderanno bene e a lungo: arrivato ad agosto 2017 a Dosson ha infatti dimostrato fin da subito tutte le sue qualità. La sua prima stagione fuori dal Brasile lo ha visto protagonista di grandissime prestazioni condite da gol importantissimi e pesantissimi: 26 gol complessivamente realizzati, di cui 20 nella stagione regolare, 4 ai Play Off e 2 alle Final Eight di Coppa Italia. Marchio di fabbrica, oltre alla solidissima tenuta difensiva, sono state le violente conclusioni dalla distanza; i tifosi lo ricorderanno tra le altre cose per le due reti contro Feldi Eboli e Lazio che hanno permesso alla Came di ribaltare allo scadere le due gare.

Le parole del Team Manager Andrea Cestaro: "L'idea della società e di Rangel era quella di continuare assieme anche nella prossima stagione, ma poi è arrivata questa offerta irrinunciabile. Non potevamo opporci alla volontà di questo ragazzo fantastico; è sicuramente una grossa perdita per noi, ma allo stesso tempo siamo convinti che un talento come Rangel, sia come giocatore, sia come persona, meriti di andare a giocare in uno dei club più forti d'Europa, e noi siamo orgogliosi di aver contribuito alla sua crescita. Gli auguriamo pertanto il meglio, sapendo che non è un addio, ma un arrivederci, tutta Dosson lo aspetterà sempre a braccia aperte".

Queste le parole con le quali Rangel saluta Dosson: "Non dimenticherò mai l’esperienza vissuta alla Came, sono stato accolto alla grande da tutto l’ambiente e mi sono sentito subito come fossi a casa. Considero l’ambiente Came come una famiglia che mi ha permesso di crescere e giocare al meglio e nella quale non escludo di rientrare dopo questa nuova esperienza che sta per iniziare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Coronavirus a Treviso, 12 persone positive al tampone: scatta l'isolamento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento