La Due Rocche corre con Scarpa, ecco la star Francesca Canepa

La storica azienda di Asolo si conferma per il sesto anno consecutivo Main Sponsor del classico evento del 25 aprile: a Cornuda la fuoriclasse valdostana che nel 2018 è diventata la prima italiana a vincere il mitico Ultra-Trail du Mont-Blanc

La partenza

La Duerocche continua a correre con Scarpa. L’azienda di Asolo, tra i leader mondiali nella produzione di calzature da montagna e per l’attività outdoor, anche nel 2019 sarà Main Sponsor del classico evento trevigiano del 25 aprile. Per la Duerocche è un connubio ormai consolidato, che si rinnova per il sesto anno consecutivo. “Scarpa continua a sostenere la Duerocche e lo fa con convinzione, nel ruolo di Main Sponsor - spiega Diego Bolzonello, amministratore delegato di Scarpa –. Questo evento rappresenta la più importante competizione di trail running di tutto il Veneto, con una grandissima partecipazione e una sinergia assoluta con il territorio. Inoltre è una gara ‘di casa’, nella nostra regione, e siamo contenti di poterlo ‘firmare’ anche per l’edizione 2019”. La Duerocche, con la sua ampia zona espositiva, sarà anche l’occasione per scoprire i nuovi prodotti di Scarpa dedicati all’Alpine Running per la collezione Spring-Summer 2019. Non solo: grazie a Scarpa, quest’anno arriverà alle Duerocche una fuoriclasse di valore mondiale: Francesca Canepa, l’atleta che a settembre del 2018 è diventata la prima italiana a vincere il leggendario Ultra-Trail du Mont-Blanc (UTMB), il giro del massiccio del Monte Bianco (172 chilometri con oltre 10.000 metri di dislivello positivo).

Francesca Canepa@Credits Nicolò Balzani_b-2

“Sarà la prima volta per me a questo evento, e finalmente visiterò l’area dove Scarpa progetta le calzature con cui corro - commenta Francesca Canepa, che proprio con il modello Spin del brand ha vinto l’UTMB 2018 - Sono contenta di essere alla Duerocche perché è una gara storica con un percorso incredibile e molto scenografico, sono sicura che sarà una grandissima giornata di sport per tutti: runner e famiglie”. Classe 1971, di Courmayeur, psicologa, ex baby-ballerina diventata prima snowboarder e poi runner estrema con un talento fuori dall’ordinario, Francesca Canepa è un autentico mito per gli appassionati di ultratrail. Il suo palmarés è impressionante: basta ricordare le due vittorie nel massacrante Tor des Géants (330 km) per comprendere il valore di questa valdostana di ferro. Che l’anno scorso, con la vittoria all’Ultra-Trail du Mont-Blanc, ha raggiunto un risultato senza precedenti per un’atleta italiana, chiudendo davanti a tutte, dopo 26 ore di corsa tra le montagne di Francia, Svizzera e Italia, una gara che resterà nella storia.         

Il 25 aprile, in occasione della Duerocche, sui sentieri che si sviluppano tra le colline tra Asolo e Cornuda, si svolgeranno cinque diverse prove. Gli appassionati di trail potranno scegliere tra due gare: la 48 km, con 2.300 metri di dislivello, e la 21 km, con 1.000 metri di dislivello. Previsti inoltre i due classici percorsi cross country di 6 e 12 km, aperti a tutti, e la prova sui 14 km, dedicata al nordic walking, che percorrerà il tragitto della Duerocche storica, da Asolo a Cornuda. Per ragioni organizzative, l’insieme delle cinque prove avrà un numero programmato di partecipanti. Seimila in totale, così suddivisi: 400 nella 48 chilometri, 700 nella 21 chilometri, 500 nella Passeggiata Storica, 4.400 nelle due prove aperte a tutti. Nessun dubbio che anche l’edizione 2019 arriverà al tetto di iscritti. Il consiglio è di prenotare il proprio pettorale al più presto. Anche perché - piccola, grande rivoluzione - nessuna delle cinque prove, neppure le due più brevi, quest’anno prevede la possibilità di iscriversi nella mattinata dell’evento.  La presenza della star Francesca Canepa sarà un motivo in più per non mancare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento