Il designer Damir Doma e l'azienda Lotto insieme per una collezione sullo sportwear

La capsule collection sarà dedicata allo sport e coniuga perfettamente i valori stilistici di Damir Doma con l'heritage e le qualità performanti dei capi dell'azienda trevigiana

TREVIGNANO Il designer internazionale Damir Doma annuncia la nuova collaborazione esclusiva realizzata a quattro mani con lo specialista italiano dello sportswear Lotto per la realizzazione della Capsule Collection “Damir Doma X Lotto” che sarà presentata in passerella durante la sfilata dedicata al menswear e al womenswear spring-summer 2018 a Milano il prossimo 18 giugno alle ore 15.

Damir Doma è fondatore e direttore creativo del marchio omonimo basato a Milano. Nato in Croazia e cresciuto in Germania, ha studiato moda prima a Monaco e poi a Berlino. Dopo aver acquisito esperienza negli atelier di Raf Simons e Dirk Schöenberger ad Anversa, si trasferisce a Parigi e nel 2007 lancia la sua prima collezione. Negli ultimi dieci anni, le sue creazioni hanno raccontato una sintesi creativa accurata tra giuste proporzioni e mix di tessuti. Nel 2015, il marchio ha spostato il suo headquarter a Milano, dove attualmente sfila, e ha rafforzato il rapporto tra le collezioni menswear e womenswear, che condividono la stessa ispirazione, gli stessi tagli e gli stessi materiali. La capsule collection “Damir Doma X Lotto” coniuga perfettamente i valori stilistici di Damir Doma con l’heritage e le qualità performanti dei capi sportswear di Lotto. E’ formata da 28 pezzi maschili e altrettanti pezzi femminili, declinati in sneakers, borse e accessori, capi con doppio logo come T-shirt, canotte, felpe, rain jacket e tute, oltre a jerseywear declinato in colori classici e in tonalità leggere.

«L’intesa tra noi è stata spontanea e immediata», racconta Andrea Tomat, presidente di Lotto. «Sono bastati pochi minuti e ho sentito subito la forza, le capacità e la semplicità di un grande professionista. Al primo incontro ho voluto accompagnare personalmente Damir nei nostri archivi, tra le raccolte di prodotti, disegni e fotografie. Mentre ripassavo i passaggi importanti di quasi mezzo secolo di attività, vedevo la tensione salire sul suo volto. Mi sono un po’ preoccupato. Poi ho capito: nella sua mente già passavano e si rincorrevano idee, progetti, immagini. Damir, infatti, oltre a essere un acuto e brillante sperimentatore del design è un vero appassionato di sport. Ha lo sport nel cuore, nell’anima… Per questo, con naturalezza, ha saputo cogliere lo spirito dei nostri prodotti iconici reinterpretandoli in modo creativo e originale. Il risultato è una collezione che esalta lo stile sportivo di Lotto attraverso il design moderno, ricercato ed essenziale».

«Sono nato all’inizio degli anni Ottanta è già allora Lotto era uno dei più importanti protagonisti del mondo dello sportswear», spiega il designer Damir Doma. «Oggi Lotto è un marchio, che guarda al futuro, con un approccio innovativo al mondo dello sport. Un marchio dal passato glorioso, indossato dai più grandi campioni sportivi di sempre, nel mondo del tennis e del calcio, come Dino Zoff e Boris Becker. È davvero un grande onore aggiungere il mio nome al logo di Lotto. Io e il mio team siamo partiti dall’archivio del brand e abbiamo elaborato i pezzi più iconici, quelli che ricordavo con più affetto. Questa collaborazione è nata dal volere di entrambe le parti: noi volevamo creare una selezione di capi sporty, da unire alla nostra proposta di ready-to-wear. Sono sicuro che questa partnership continuerà a evolversi anche nelle prossime stagioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

  • Incendio alla "Carosello" di Castelfranco: capannone devastato

Torna su
TrevisoToday è in caricamento