"Educare Sport" a Treviso: secondo appuntamento per gli atleti ed ex atleti

L'iniziativa è realizzata da BNL Gruppo BNP Paribas, in collaborazione con il CONI, ed è rivolta a sportivi che vogliano intraprendere una nuova vita lavorativa dopo quella agonistica, per aiutarli a compiere scelte finanziarie consapevoli e sostenibili

TREVISO E' continuato a Treviso il progetto “EduCare Sport”, l’iniziativa di formazione realizzata da BNL Gruppo BNP Paribas, in partnership con il CONI, per accompagnare ex atleti e atleti a fine carriera nello sviluppo di nuovi progetti professionali e imprenditoriali. Nella sede della Cittadella dello Sport “La Ghirada”, Alessandro Farina – nazionale di volley e 6 volte campione italiano con la Sisley Treviso – e Fabio Ongaro – nazionale di rugby e 5 volte campione italiano con la Benetton Treviso – hanno raccontato le loro esperienze di sportivi, ora diventati imprenditori.

Il seminario, dopo il saluto del direttore territoriale retail e private nord est di BNL, Antonio Schiavo, e del presidente del comitato regionale CONI Veneto, Gianfranco Bardelle è entrato nel vivo con gli interventi degli specialisti di BNL e PerMicro, la società leader nel microcredito in Italia di cui la Banca è azionista e partner industriale. L'incontro ha voluto informare e formare i partecipanti su argomenti economico-finanziari e approfondire i temi legati alla sostenibilità di un progetto d’impresa. Il percorso punta, inoltre, a valorizzare i profili professionali degli sportivi, a motivarli ed “allenarli” per le sfide future.

Screenshot 2016-02-22 17.29.00-2

A moderare l’incontro Marisa Muzio, psicologa dello sport, ex nazionale di nuoto, e co-fondatrice del Centro studi e formazione in Psicologia dello Sport di Milano. EduCare Sport cerrà tenuto anche a Bologna e Formia. L’appuntamento conclusivo si terrà a Roma in occasione degli “Internazionali BNL d’Italia”, in programma al Foro Italico dall’8 al 15 maggio. Sui canali Facebook e Twitter della Banca è on line una campagna di comunicazione che, attraverso immagini e video, accompagnati dall’hashtag #EduCareSport, racconta gli appuntamenti e le esperienze dei suoi protagonisti.

EduCare Sport s’inserisce nell’ambito della partnership BNL e CONI, che prevede lo sviluppo di attività e progetti destinati a sostenere lo sport a vari livelli, a supportare idee imprenditoriali e a diffondere ulteriormente la cultura sportiva, che contribuisce non solo al benessere fisico e mentale dei singoli, ma, attraverso questo, anche allo sviluppo di una società più consapevole e attenta alle persone.

In occasione di EduCare Sport, arriva anche a Treviso il concorso #Alleniamoildomani, con la distribuzione dei lacci multicolore realizzati ad hoc. Il contest di BNL, sponsor del CONI per i Giochi Olimpici di Rio 2016, prevede che i partecipanti carichino sul sito alleniamoildomani.it una foto originale in cui siano ritratti mentre svolgono un’attività sportiva “indossando” gli speciali lacci. Il vincitore assisterà alle Olimpiadi 2016. Informazioni su contest.alleniamoildomani.it.

Screenshot 2016-02-22 17.28.43-2

Dichiarazioni:

Antonio Schiavo, Direttore Territoriale Retail e Private Nord Est di BNL: “EduCare Sport dopo Milano e la Lombardia fa tappa in Veneto, la seconda regione per numero di atleti. La scelta di Treviso era quasi d’obbligo per la sua vocazione allo sport d’alto vertice e non solo. Infatti oggi ci troviamo a “La Ghirada”, un impianto dove lo slogan  è “cultura sportiva” proprio quello che cerca di fare EduCare nei confronti degli sportivi che hanno dato tanto al territorio e all’Italia per impegno, sacrificio e risultati. Oggi con questa ampia partecipazione, oltre 70 atleti tra ex e in attività, il mondo dello sport dimostra di essere sensibile alle tematiche del post carrier, ha voglia di vicinanza. EduCare Sport nasce per questo”.

Gianfranco Bardelle, Presidente Comitato Regionale CONI Veneto: “Nel mondo dello sport a volte ci si dimentica che c’è un futuro oltre il campo da gioco. Sono contento che EduCare Sport invece abbia avviato un percorso concreto che punti a dare degli strumenti per il post carriera. Il progetto di BNL e CONI arriva nella nostra regione, la seconda per peso sportivo dopo la Lombardia; tutto il movimento ha risposto con grande entusiasmo a testimonianza di quanto il tema del post carriera sia sensibile tra gli atleti e gli addetti al lavoro. Spero solo che il messaggio di oggi non sia di passaggio; BNL ha rotto un tabù, per questo credo importante proseguire sul cammino intrapreso per seminare una nuova cultura”.

Marisa Muzio, Psicologa dello Sport: “EduCare Sport vuole creare la consapevolezza che è alla base della conoscenza. Il post carriera è la rielaborazione di un lutto ma anche la rielaborazione di quelle skills che gli sportivi possono valorizzare per se stessi e a favore del mondo del lavoro. Infatti, oggi, più che mai le aziende cercano quelle competenze che sono tipiche degli sportivi. La fine della carriera di uno sportivo è una fase di passaggio e difficoltà che può essere trasformata in un percorso pieno di opportunità. Percorso che può essere facilitato dal progetto EduCare Sport”.

Fabio Ongaro, imprenditore, nazionale di rugby e 5 volte campione italiano con la Sisley Treviso: “Per me il post carriera è stato un cambio d’abito dietro al quale è rimasto lo stesso Fabio, con tanta grinta e voglia di non accontentarsi mai. A volte penso che la mia carriera sia stata sopravvalutata, non avevo delle doti eccelse ma sono riuscito a fare la differenza per impegno e carattere. Stesse caratteristiche che ho messo in campo quando, insieme al mio ex compagno di squadra Stefano Perugini, ho deciso di intraprendere l’attività imprenditoriale. Nel 2015, grazie alla disponibilità della FIR, abbiamo presentato UNODUE in occasione del Sei Nazioni; a distanza di un anno stiamo facendo il Terzo Tempo all’Olimpico occupando mezzo villaggio con la nostra attività di street food, un impegno importante di gestione e organizzazione con 140 collaboratori. Ora coltivo un altro sogno: aprire un franchising”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alessandro Farina, imprenditore, nazionale di volley e 6 volte campione italiano con la Sisley Treviso: “Sono arrivato a Treviso da giovanissimo, qui sono cresciuto e ho vissuto grandi gioie ma anche importanti sacrifici. Gli sportivi sono chiamati ad una vita inquadrata fatta di regole, imposizioni di orari e rinunce; finchè sei giovane fai fatica ad accettare tutto questo nonostante la grande passione per il campo da gioco. Quando cresci invece ti accorgi quanto la carriera sportiva ti abbia formato. Oggi, se sono riuscito ad aprire la mia attività e la porto avanti devo dire grazie anche allo sport, mi ha lasciato in dote un patrimonio unico che progetti come EduCare Sport ti permettono di valorizzare. E lo sport ti insegna anche a trovare giorno dopo giorno nuovi obiettivi per questo guardo al futuro sperando in un’attività imprenditoriale allargata, magari evoluta, nell’ambito della distribuzione dei prodotti italiani d’eccellenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

Torna su
TrevisoToday è in caricamento