Atletica: Filippo Pradella torna in Nazionale

Martedì 23 ottobre, il giovane atleta sarà in gara a Ibiza, per il cross duathlon. Giovedì 25 ottobre il portacolori di Silca Ultralite si cimenterà nel cross triathlon

Nuova doppia avventura internazionale per Filippo Pradella, il portacolori di Silca Ultralite Vittorio Veneto capace nel corso delle ultime stagioni di ritagliarsi un posto di primissimo livello nella disciplina del cross triathlon.

Lo junior trevigiano è infatti pronto a indossare nuovamente il body dell’Italia per partecipare al Multisport European Championship in programma in questi giorni nell’isola spagnola di Ibiza. Due gli appuntamenti che l’aspettano: martedì 23 ottobre, sarà infatti al via della competizione di cross duathlon, giovedì invece affronterà il cross duathlon. In entrambe le gare indosserà il pettorale numero 1. Quest’anno il 17enne di casa Silca, studente alla scuola enologica Cerletti di Conegliano, ha conquistato il quarto posto ai mondiali di cross triathlon che si sono svolti in Danimarca (il podio è sfuggito per soli 7 secondi), l’oro nel campionato italiano di cross triathlon nella categoria Junior e il bronzo assoluto, oltre all’oro nella Coppa Crono tricolore a squadre maschile under 23 e al bronzo agli italiani di triathlon junior. Pradella si presenta a Ibiza con in dote l’argento nel cross duathlon e l’oro nel cross triathlon conquistati nel 2017 a Targu Mures in Romania. Il trevigiano è stato campione europeo di cross triathlon anche nel 2016.

Una stagione molto intensa e piena di buoni risultati per lo studente coneglianese che punta ora a far bene anche nell’ultimo appuntamento stagionale della multidisciplina. «Filippo ha lavorato bene e con impegno durante tutta la stagione – ha commentato il presidente di Silca Ultralite Vittorio Veneto -  ora l’aspettano due tra le gare più importanti della sua annata. Di fatto nella specialità del cross triathlon è sicuramente uno dei migliori in Italia a livello assoluto e come Junior ha sempre detto la sua. Speriamo che la sfortuna che ha avuto in alcuni frangenti, come ai mondiali di quest’anno, non si ripresenti. Ora non resta che tifarlo e poi, dopo queste ultime fatiche, tirare un poco il fiato per riprendere poi con gli intensi allenamenti preparatori per la stagione 2019». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento