homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

La Fip chiude le porte della stagione 2012-2013 a Treviso Basket

Il Consiglio Federale tarpa le ali alla nuova Treviso Basket, escludendola dalla stagion 2012/2013. Si spera almeno nell'ammissione alle LegaDue, mentre Pittis e soci sono pronti a presentare ricorso a tutti i livelli

Vent’anni di successi e gli sforzi per non far morire il sogno non sono bastati alla Fip, che ha decretato l’esclusione della neonata Treviso Basket dalla stagione 2012/2013 Serie A.

Delusione e amarezza accomunano società e tifosi, che fino all’ultimo hanno sperato in quell’articolo 128 del regolamento organico sul “titolo sportivo”.

Il regolamento delle federazione non contempla la scissione di una società a livello professionistico, come accaduto alla Pallacanestro Treviso che continua a portare avanti l’attività giovanile ma ha messo fine all’esperienza della Benetton Basket.

Tuttavia Riccardo Pittis e soci avevano sperato di far valere l’articolo 128, che recita: “in caso di rinuncia al titolo sportivo, la Fip potrà assegnare il titolo medesimo ad altra società affiliata, appartenente alla stessa città”. Ma il termine “rinuncia” ha fatto propendere il consiglio federale per l’esclusione di Treviso perché, di fatto, Pallacanestro Treviso continua ad esistere, portando avanti l’attività giovanile.

Il verdetto della Fip, che ha messo alla porta anche Teramo e un altro pilastro del basket italiano, la Fortitudo Bologna, ha destato scalpore e polemiche, dentro e fuori i confini della città.

“Vi è la strana sensazione – ha commentato amareggiato Paolo Vazzoler, presidente di Treviso Basket srl – che tale decisione sia prova dell’incapacità di un movimento che non sa e non ha voglia di adeguarsi ai tempi”.

“Chi oggi ci fa sparire dalla cartina geografica del basket italiano – tuona il leghista Federico Caner – si assume la responsabilità di annientare decenni di grandi successi, ma soprattutto lo sforzo di Universo Treviso e di tutti gli appassionati di non fa morire un sogno”.

Resta ora da capire se resti almeno uno spiraglio per la LegaDue. E comunque Treviso Basket non si arrende e promette di dare battaglia, presentando ricorsi a tutti i livelli, come fatto a suo tempo dal Venezia. La seconda metà dell’estate sportiva trevigiana si profila, dunque, molto calda.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Forza fio: non mollate!

  • Ci hanno boicottato!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Malore fatale mentre è al lavoro, muore operaio di 47 anni

  • Cronaca

    Spacciavano hashish ai giovani trevigiani: i pusher sono tre profughi della "Serena"

  • Cronaca

    Rogo al centro antimafia a Santa Maria la Fossa, paura per cinque trevigiani

  • Cronaca

    Ragazzo di 24 anni rischia di annegare nelle acque del Piave: lo porta in salvo un amico

I più letti della settimana

  • Dai torrenti ai copertoni, dalle balle di fieno ai muri da scavalcare: ecco "La Bestia"

  • Ricca settimana per il Treviso Basket: arrivano le feste all'Ippodromo e al Park Tennis

  • D+ Ultracycling Dolomitica: una vigilia da eroi per la corsa più dura del Mondo

  • Novità alla Prosecco Cycling: arriva la classifica "Kilometro 0" per i soli trevigiani

  • Dopo la tragedia di Parigi e le gravi lesioni riportate, Aristide Barraud torna al rugby!

  • Stasera all'ippodromo Sant'Artemio prima uscita pubblica della nuova De Longhi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento