Giorgione Pallavolo in campo per dire no alla violenza sulle donne

Nel match di campionato contro Talmassons le giovani atlete della Duetti sono scese in campo con il viso segnato dal segno rosso dedicato alla lotta contro la violenza di genere

Le donne per le donne. È stata una discesa in campo dal sapore sociale ancorché sportivo quella della B1 del Duetti Giorgione nel match di campionato con il Talmassons. L’inequivocabile segno rosso in viso, simbolo della partecipazione alla giornata contro la violenza sulle donne, ha richiamato l’attenzione del numeroso pubblico di Castelfranco Veneto sull’importanza della tematica.

In Italia, si stima che una donna su tre, nell’arco della sua vita, abbia subito una forma di violenza, spesso fra le mura domestiche. La presa di posizione delle atlete del Giorgione ha simboleggiato l’uscita del mondo femminile dall’orbita maschilista e dalla sua etichetta di “sesso debole”. «A volte i gesti valgono più di mille parole – spiega il capitano della prima squadra di Castelfranco Roberta Grassotto - Credo che ogni donna, ogni giorno, sia convinta della necessità di affrontare questa tematica. Come squadra abbiamo sposato subito la causa spronate da Lilia Gava dell’azienda Duetti, nostro sponsor principale. Abbiamo apprezzato il suo suggerimento sentendoci in sintonia con il suo modo di vivere in prima linea le tematiche sociali».

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Scontro tra camion e un'auto, gravissima una 55enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento