A Treviso la Giornata dello sport dei ragazzi diversamente abili

La sedicesima edizione della manifestazione che unisce sport, divertimento e solidarietà tornerà nella giornata di giovedì 10 maggio agli impianti sportivi di San Lazzaro

TREVISO Giovedì 10 maggio, presso gli impianti sportivi di San Lazzaro, si terrà la sedicesima Giornata dello sport, evento che unisce da sempre Csi e Ulss2. All’evento parteciperanno i ragazzi diversamente abili dei seguenti enti: Ceod “Centro Giovani”, “Scacciapensieri”, “La Cascina”, “La Scintilla”, “La casa di Michela”, “Amica Luna” Coop “La Solidarietà”, “Sentiero” e “Ails”.

La macchina organizzativa è partita mesi fa. Il coordinamento è affidato a Sonia Scomparin, coordinatrice in questo progetto di tutti gli operatori dei Ceod coinvolti, e Doriana Scartozzi, vulcanica referente CSi per le attività con i disabili. Numerosissime sono già state le riunioni tra le due coordinatrici e i referenti dei vari Centri Educativo-Occupazionali per progettare al meglio la giornata e le sessioni di allenamento nei mesi precedenti alle competizioni. Nella squadra è entrato anche Bepi Bosco, referente della nostra commissione d’atletica, chiamato a dirimere gli aspetti tecnici di una giornata che è certo una festa, ma ha anche il carattere di una vera e propria competizione sportiva.

La giornata inizierà alle ore 9.45, con i saluti delle autorità e la grande sfilata degli atleti, guidati dai propri portabandiera, come in ogni competizione sportiva di rango. Gli atleti, che si allenano durante tutto l’anno assieme ai loro educatori, si confronteranno in una delle seguenti discipline: salto in lungo, lancio del vortex, lancio del disco, getto del peso, corsa veloce sui 40 mt, e corsa di resistenza sui 200 metri. La gara di chiusura sarà la staffetta a squadre a quale potrà partecipare anche chi non ha avuto la possibilità di preparare una disciplina. Ogni squadra di staffetta sarà composta da 5 concorrenti. Come già accennato la giornata del 10 maggio, non è però solo un evento sportivo. Dopo le gare del mattino, inizia la festa. Si pranza tutti insieme sotto l’ombra degli alberi che circondano l’impianto, e dalle due del pomeriggio inizierà la musica dal vivo con il gruppo “Ails Big Band”. 

Nulla di tutto ciò sarebbe possibile senza la presenza di numerosissimi volontari, in tutti i campi: Doriana e i giudici di atletica del CSI, i volontari della Protezione Civile e persino una ventina di ragazzi della classi 4° dell’istituto superiore Besta, accompagnati dai loro insegnanti. Commentano gli organizzatori: "Ogni anno si migliora e grazie alle persone che seguono questi ragazzi, ogni anno è possibile organizzare una giornata speciale, che diventa per loro un momento da ricordare, e credeteci se vi invitiamo a sostenerli in quella giornata, ne vale davvero la pena. Tifare per loro, vederli alla prova sul campo d’atletica regala impagabili emozioni con tutto l’impegno e l’orgoglio che solo lo sport sa regalare è capace di risvegliare nello spettatore una contagiosa gioia di vivere".

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento