Il piccolo kartista trevigiano Giovanni Trentin è secondo nella finale dell'X30 All Star

Buon risultato a Castelletto di Branduzzo (PV). Ora per il giovanissimo pilota di Follina è attesa la trasferta sul prestigioso circuito di Le Mans in Francia

FOLLINA Continuano le soddisfazioni per il giovanissimo kartista Giovanni Trentin, che lo corso week end è stato protagonista nella Finale Nazionale All Stars, gara disputatasi sulla pista “7 Laghi” a Castelletto di Branduzzo in provincia di Pavia. Il pilota trevigiano, che si è già aggiudicato il titolo tricolore nella categoria X30 mini dell’X30 Challenge Italy con una gara d’anticipo, è subito partito bene nelle prove libere dove ha fatto registrare il secondo tempo. Il pilota della MT Racing poi nelle qualifiche ufficiali non va oltre la quinta posizione.

Nella pre finale, caratterizzata da una pioggia che ha reso estremamente viscido e difficile il tracciato di gara, Giovanni parte molto bene e allo scattare del semaforo verde, scavalca subito due avversari e si porta in terza posizione. Nel proseguo della gara, il trevigiano, di soli 10 anni, è autore di un altro spettacolare sorpasso e guadagna così la seconda piazza. Poi però, a causa di un contatto con un avversario, esce di pista perdendo così parecchio tempo prezioso. Grazie poi ad una brillante rimonta risale in classifica, ma per una penalità si deve accontentare dell’ottava posizione. Nella finale parte ottavo, ma dopo una serie di spettacolari sorpassi risale fino alla seconda posizione alle spalle dell’esperto Americano Ugo Ugochukwu, facendo segnare anche il giro più veloce. Grazie a questo eccellente secondo posto, Trentin entra di diritto tra gli iscritti alla finale mondiale dell’X30 che si disputerà dal 9 al 15 ottobre sul prestigioso circuito di Le Mans, dove saranno schierati in gara tutti i più forti piloti al mondo provenienti da tutti i vari campionati nazionali.

“Dopo la vittoria del campionato – commenta Mauro Trentin, padre e team manager del promettente pilota – questo week end Giovanni ci ha regalato ancora tanta soddisfazione. In questa gara era presente un fortissimo pilota americano, che è un ottimo riferimento a livello internazionale. Abbiamo visto che non abbiamo sfigurato per nulla, quindi significa che stiamo lavorando nella giusta direzione. Dividiamo il merito di tutti questi brillanti risultati con i tecnici del Team Driver di Casella d’Asolo, che ci seguono costantemente in maniera impeccabile e con tutti gli sponsor, importantissimi per disputare un campionato di questo tipo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento