Dolce Befana per l'Imoco: pantere sul velluto con Casalmaggiore

Nella vittoria per 3-0 (23-25, 21-25, 20-25) per Conegliano nella prima gara del 2019. Domenica al Palaverde arriva Monza

Al PalaRadi di Cremona inizia alla grande il 2019 e il girone di ritorno per le Pantere dell’Imoco Volley, con la bella vittoria per 3-0 in casa della Pomì Casalmaggiore. Con coach Santarelli e il duo Fabris-Samadan appena rientrati da Zagabria (vittoria 3-0 della Croazia con la Svizzera) sono presenti per una sfida di alto livello, che vede le Pantere in campo con Wolosz e l’opposto croata, De Kruijf e Danesi al centro, Sylla e Hill in banda, libero De Gennaro.

Grandissimo equilibrio nel primo set, con le due squadre che fanno vedere i loro colpi migliori, ma nessuna delle due riesce a prendere la fuga. Da una parte Cáceres (8 punti nel set) e Rahimova (5) fanno la parte del leone, per Conegliano invece Wolosz fa giostrare un po’ tutti i suoi terminali (entra anche l’ex Tirozzi nella fase centrale), ma bisogna attendere gli ultimissimi punti per spuntarla: sul 22-22 inizia lo sprint finale, il primo set ball è delle Pantere (23-24) che sono brave a chiudere al primo tentativo per 23-25, con Kim Hill protagonista di un set senza errori e 5 punti pesanti.

Nel secondo set parte forte la Pomì (4-1, poi 9-5). La squadra dell’ex Gaspari trascinata dal suo pubblico viaggia spedita con Rahimova e le zampate di un’altra ex, Valentina Arrighetti, ma l’Imoco dopo la sbandata iniziale tiene la scia minacciosa (12-9) e attende il momento per colpire: infatti De Gennaro e compagne stringono le maglie in difesa e il contrattacco fa il resto, ne viene fuori un parziale di 5-0 e il sorpasso (12-14) delle Pantere si fa realtà. Anna Danesi sforna muri a ripetizione, Hill e Sylla bruciano le mani al muro di casa e l’Imoco mette la testa avanti. Wolosz detta il ritmo e l’orchestra giallobù esegue alla perfezione mentre la Pomì soffre (13-16). Casalmaggiore prova con la panchina (Gray e Radenkovic), ma l’Imoco continua ad allontanarsi con un ritmo inarrestabile (15-20). L’Imoco Volley deve solo controllare il tentativo finale della squadra di casa che si avvicina a -2 (21-23), ma viene respinta dalle bordate di una Fabris in palla (nonostante l’aventi-indietro con la Croazia), da una Danesi essenziale e lo zampino di Hill e Tirozzi che entra e piazza un ace importante. 21-25 il finale per le Pantere di coach Santarelli.

Terzo set con un inizio “batti e ribatti” tra le due squadre, che si tengono a braccetto per tutto l’avvio (11-11) con Caraces di nuovo in palla per la Pomì, mentre Sam Fabris continua a martellare e Robin De Kruijf inizia a graffiare a muro. E’ di Conegliano in primo minibreak (15-18), con un’Imoco che sembra poter alzare il livello del suo gioco nei momenti più importanti, mentre la Pomì soffre molto i cambi di ritmo imposti dal team gialloblù. E’ il momento giusto: Hill (13 punti), Danesi (altro muro, 4 in totale), Tirozzi (altro ace) e compagne sentono l’odore del sangue e azzannano: 16-20. La Pomì prova a reagire con Rahimova (18-21), ma le Pantere non vogliono correre rischi, si affidano a Fabris (17 punti alla fine, poi ripartita per la nazionale con Samadan e il coach Santarelli che mercoledì giocheranno a Tirana con l’Albania l’ultima gara del girone di qualificazione europea)  e portano a casa con una prova di grande maturità e sicurezza anche il terzo set (20-25), confermando il 3-0 dell’andata e iniziando così alla grande il 2019.

Domenica si torna al Palaverde per il match con la Saugella Monza alle 17.00 (prevendita on line sul sito e su vivaticket.it, al Palaverde uffici Imoco Volley lun-ven dalle 16 alle 18.30).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Crisi Stefanel, 244 lavoratori in cassa integrazione per un anno

  • Attualità

    Addio alla scrittrice e poetessa trevigiana Maria Elisa Borin Sala

  • Cronaca

    Violentata dai colleghi alla cena aziendale: il caso finisce in tribunale

  • Cronaca

    Alcooltest al gelo, assolta. La polstrada: «Etilometro era funzionante»

I più letti della settimana

  • Scende dall'auto per salvare un gufo a bordo strada: morta investita una 26enne

  • Male incurabile, ragazzo perde la vita a soli 28 anni

  • Sperona l'auto dei carabinieri, scende e la prende a picconate

  • Tremendo schianto camion-auto sulla Noalese, un morto

  • «Imprenditore non trova operai? Applichi contratto giusto»

  • Kathrina si è spenta troppo presto: a soli 20 anni una leucemia se l'è portata via

Torna su
TrevisoToday è in caricamento