Imoco volley, confermata la "Millennial" Eleonora Fersino

Un doppio salto mortale dalla serie B con il Volley Pool Piave al vertice assoluto, che ha visto la giovane di Chioggia disimpegnarsi al meglio sia in Campionato che in Champions League

Eleonora Fersino

E' arrivata anche la conferma di Eleonora Fersino, la "millennial" di Imoco Volley (è nata a Chioggia il 24 gennaio del 2000), che vestirà quindi per il secondo anno la maglia delle Pantere. Proveniente dal celebre vivaio dell'Imoco Volley Pool Piave, Eleonora ha stupito tutti nella sua prima stagione da "senior" diventando una pedina importante nelle rotazioni di coach Santarelli che l'ha schierata con successo sia come secondo libero, il suo ruolo naturale, sia come rinforzo in seconda linea con compiti di difesa e ricezione. Un doppio salto mortale dalla serie B con il Volley Pool Piave al vertice assoluto, che ha visto la giovane di Chioggia disimpegnarsi al meglio sia in Campionato che in Champions League, con numerose e proficue apparizioni in campo e la conquista dello Scudetto e della Supercoppa. Fersino ora è impegnata con la Nazionale Under 20 con coach Bellano e altre verdi promesse del volley italiano.

Eleonora, a mente fredda, cosa puoi dire della tua scorsa stagione, la prima da "senior"? Come hai vissuto il passaggio dalla B alla serie A1 e alla Champions? Non ci poteva essere stagione migliore per iniziare il percorso post giovanili, è stato un anno emozionante sotto tanti punti di vista, sia a livello pallavolistico per i vari risultati obiettivi raggiunti sia a livello umano e personale. Per quanto riguarda il passaggio dalla B alla serie A1, inizialmente ero un po preoccupata  sapendo di giocare e confrontarmi con giocatrici forti ed esperte di alto livello, ma allo stesso  tempo ero motivata e molto carica e alla fine è andata abbastanza bene! Contenta di rimanere con le Pantere? Sono entusiasta di rimanere all'Imoco, chi non lo sarebbe, e felice di proseguire questo percorso con tantecompagne di squadra dello scorso anno, con un super staff, i tifosi gialloblù e di poter ancora giocare al Palaverde!

Hai potuto frequentare per un anno la "Moki University"...quanto è stato importante avere ogni giorno in allenamento l'esempio visivo di Monica De Gennaro per il tuo ruolo e di tutte le altre top players? Per me avere Moki ogni giorno come modello in palestra  è stata veramente una grande fortuna, mi ha sempre aiutato molto in campo e non solo, dandomi vari consigli e aiuti, come le altre giocatrici, sempre disponibili. Allenarmi e giocare con loro è davvero una grande fortuna e opportunità. Hai potuto giocare in parecchie situazioni, ti aspettavi questo spazio che ti ha dato coach Santarelli?  No, davvero non mi aspettavo di avere questo spazio e queste responsabilità , infatti sono contenta di aver avuto la fiducia di Daniele (Santarelli) e di tutto lo staff. Cosa ricordi dell'emozione del primo scudetto? Eh...ricordo veramente tante piccole cose, dall’azione finale, al tifo da brividi del Palaverde, le esultanze e abbracci con le mie compagne, allenatori e famigliari. Ricordo la costante “pioggia”di prosecco, la serata dei festeggiamenti, è stata una cosa straordinaria, saranno emozioni indelebili. La prima volta non si scorda mai! I tifosi dell'Imoco sono speciali, dai loro un saluto e un arrivederci! Come prima cosa li ringrazio tutti, sono stati fantastici, è un privilegio per noi avere tifosi così. Li saluto tutti, un enorme saluto e ..ci vediamo per la prossima stagione!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

Torna su
TrevisoToday è in caricamento