Imoco Volley schiacciasassi: Brescia si arrende in 3 set

Splendida trasferta per le Pantere di Conegliano contro la squadra che, in campionato, non erano mai riuscite a battere. Vittoria di gruppo, risultato mai in discussione

Imoco Volley spietata e concreta a Montichiari per l’anticipo della10° giornata di Serie A1 contro la Banca Val Sabbina Brescia. Mercoledì sera le Pantere di Conegliano sono riuscite a sfatare il tabù che le aveva viste sempre sconfitte al cospetto delle “leonesse”.

Coach Santarelli conferma il sestetto vincente dell’esordio con Monza, schierando Wolosz-Egonu, De Kruijf-Folie, Sylla con Geerties e De Gennaro libero. L’equilibrio dura solo nelle prime battute dove Mingardi e compagne cercano di essere aggressive, ma l’Imoco presto scappa via (3-8), poi si fa irraggiungibile (13-21) giocando ottime difese (De Gennaro su tutte) e contrattacchi di alta qualità, per chiudere agevolmente dopo un tentativo di rimonta delle padrone di casa: 17-25. Nel secondo set Speech, Mingardi e Rivero provano a suonare la carica, ma quando alza il livello l’Imoco diventa primattrice sul campo di Montichiari, le Pantere danno spettacolo e la progressione è notevole: 3-7, 4-9, 9-15 con Geerties (ottima prova della tedesca con 3 muri, 9 punti e il 67% in attacco) e Sylla (15 punti, 2 aces, 4 muri, 56% in attacco!) in forma smagliante. Ma non sono i singoli l’ “X Factor” delle Pantere, il vantaggio si dilata grazie a un efficacia diffusa che lascia pochi punti di riferimento alla difesa di casa. Il resto lo fa il positivo rendimento di stasera in battuta e a muro. Coach Santarelli fa esordire Giulia Gennari e Alexandra Botezat, oltre a dare minuti di qualità a Indre Sorokaite e Eleonora Fersino. Il ritmo non cambia e, ottima notizia per l’allenatore gialloblù, tutte le atlete impiegate rispondono con segnali molto positivi mantenendo il divario grazie a un volley sempre spumeggiante. Alla fine è 15-25. Nel terzo set le Pantere, rientrate in campo con il sestetto di partenza, non abbassano il volume di gioco, anzi, spingono al limite con un gioco molto veloce e redditizio. Vanno a segno De Kruijf (8 punti, 2 muri) in contrattacco, poi Geerties e Sylla, mentre Egonu (57% in attacco e 13 punti alla fine per l’opposta azzurra) interviene chirurgicamente sugli assist al bacio di capitan Wolosz, grande condottiera della sua squadra. Difficile per la pur volenterosa Brescia andare oltre qualche tantativo di rientrare, come quello che riporta le leonesse dall’8-18 al 12-18. C’è poi un salvataggio incredibile di Paola Egonu al di là delle transenne, emblematico dello spirito di squadra gialloblù, una scarica di adrenalina che dà il via a un ulteriore break. Folie e compagne chiudono 14-25 un set giocato a mille all’ora. Con 17 punti ottenuti tra muri (11) ed aces (6) e solo 5 errori in attacco anche i numeri confermano la bella prova della squadra di coach Santarelli, una partita che ha visto l’Imoco sempre a condurre, nonostante l’impegno costante delle valide avversarie bresciane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica altra trasferta a Filottrano, prima del ritorno in casa (domenica 27 ottobre) alle 17 contro la E’ Piu’ Pomì Casalmaggiore. Miriam Sylla commenta la vittoria di mercoledì sera con queste parole: «Nella testa avevamo l’idea di battere Brescia, squadra che l’anno scorso ci ha sconfitto due volte. Ci eravamo proposte questa rivincita, ma sapevamo anche se hanno cambiato molto dovevamo tenere alta la guardia. Abbiamo giocato bene, ma ci sono alcune cose da sistemare, piccoli miglioramenti da fare per crescere ancora».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento