Bronzo ai mondiali di karate di Lienz per Mattia Busato

La squadra di kata della nazionale italiana, domenica mattina hanno ottenuto il terzo posto sconfiggendo la squadra egiziana

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

LIENZ Domenica 30 ottobre si è disputata la finale per il terzo posto nel kata a squadre al campionato del mondo di Karate che si è svolto a Linz (Austria) l'ultima settimana di ottobre. Mattia Busato, Alfredo Tocco e Alessandro Iodice sono gli Italiani che compongono la squadra di kata maschile e che più volte hanno conquistato assieme i podi di competizioni internazionli. Una gara davvero difficile a Linz: Il Karate è entrato nelle olimpiadi e la differenza si sente, tante le Nazioni emergenti, Molti Paesi che prima non erano competitivi adesso conquistano medaglie Importanti. Il Giappone domina il Campionato del mondo sia nel combattimento che nella forma. L'Italia fa 4 medaglie, ma emergono Iran, Egitto, Azerbaijan e molti altri. In questo contesto risulta ancora più prestigioso il risultato della Nazionale di Kata Maschile. Nelle eliminatorie disputate giovedì 27 ottobre hanno vinto nettamente contro la nazionale del Sud Africa per 5 a 0, la corsa per l'oro è stata però interrotta dalla Francia che vince 3 a 2 sulla squadra italiana. Messi alle strette, nei recuperi gli azzurri hanno saputo dimostrare grande carattere travolgendo la Germania per 4 a 1 e aggiudicandosi così la finale per il terzo posto. Questa mattina, decisi a portare a casa il risultaro, i tre Italiani battono 4 a 1 gli avversari, salendo così sul terzo gradino del podio.

Una soddisfazione immensa per tutto il team di tecnici che segue Mattia: Niki Mardegan, Paride Bressan e Paolo Tiatto. Commenta il d.t. Niki Mardegan "E' la prima medaglia a un campionato del mondo e siamo felici di questo, un grande grazie va al gruppo sportivo Esercito che ha in forze Mattia, a Daniela Berettoni e a tutti gli ufficiali che lo sostengono. Dobbiamo ringraziare anche lo sponsor Germinal BIO che sostiene questo atleta e la Nazionale Fijlkam tra cui il Presidente Falcone e il DT Aschieri e tutti i suoi collaboratori che guidano gli allenamenti della nazionale".

I tifosi degli azzurri, tra cui i sessanta partiti dal Veneto capitanati dal club Castellano, Germinal Karate Castelfranco, si sono fatti sentire, presenti per sostenere Mattia Busato, sponsorizzato Germinal Bio e ora atleta professionista in forze nel gruppo sportivo dell'Esercito Italiano. Ormai abituati ai podi che ci regalano questi tre ragazzi: li abbiamo visti primeggiare quest'ultima stagione in occasione dell'oro alla Premier League di Amburgo, l'argento ai Campionati del Mediterraneo di Toledo, il bronzo della Premier League di Dubai senza dimenticare l'argento ai primi Giochi Olimpici Europei a Baku (Azerbaijan).

Bronzo anche per Luigi Busà, nella categoria 75kg di combattimento, dopo aver battuto per 3 a 2 l'Americano Thomas Scott. Nel Kata individuale femminile, Viviana Bottaro si è contraddistinta ancora una volta per la potenza e l'eleganza dei sui kata battendo, anche lei per 3 a 2 l'Indonesiana Ora Sisilia Agustiani. Bronzo anche per la squadra di kata femminile, capitanata da Viviana Bottaro e le compagne Pezzetti e Battaglia. Niente da fare e finale sfumata per gli altri azzurri in gara Sara Cardin, Silvia Semeraro, Luca Maresca e la squadra di Kumite femminile.

Nel frattempo a Roma, Pietro Binotto, altra giovane promessa in forze al Vedelago Karate Club, sale sul terzo gradino del podio del 27° Gran Premio Giovanissimi Esordienti "A" - Maschile. Gara lunga ma di alto livello tecnico quella che si è svolta sabato 29 ottobre sui tappeti del Centro Olimpico Matteo Pellicone di Ostia. Pietro era reduce dall'oro agli open internazionali di Lignano e dal bronzo all' Open di Toscana, mentre Sabato ha affrontato il suo primo Campionato Italiano di Kata ottenendo un risultato di grande soddisfazione per tutto il Club.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento