Due bronzi e un argento ai Campionati italiani per il Germinal karate Castelfranco

Bronzo, bronzo e argento: risultato storico per la squadra castellana che a Ostia si è aggiudicata tre medaglie molto importanti in un torneo che rimarrà nella storia della società

Il Germinal Karate Castelfranco sul podio per 3 volte ai Campionati italiani a squadre di Ostia. La compagine castellana, in trasferta al Lido di Ostia per i Campionati Italiani a squadre, ottiene un risultato storico portando nel Veneto ben tre medaglie in questa combattutissima competizione.

Bronzo per la squadra Maschile di Kata Assoluta (over 18) composta da Nicola Fochesato (Nen Ryu Kan Isola Vicentina), Enrico Pizziolo e Giovanni Trentin. Ottima la prestazione di questi ragazzi, alla prima uscita come squadra, e sicuramente l’inizio di un ulteriore lavoro. Bronzo anche per la squadra Giovanile (under 18) di Kumite, che conduce una gara tiratissima. Nel kumite gli atleti in gara sono cinque per squadra, e passa il turno la formazione che vince più incontri. La pool dei castellani sembra davvero difficile, con tante squadre già medagliate gli anni scorsi. Castelfranco batte al primo turno gli atleti del Karate Genocchio di Rovato (Lombardia), dimostrando subito la propria forza di volontà, e va ad affrontare il secondo turno contro il team pugliese. I castellani della Germinal vincono nettamente anche questo incontro, portando a casa la vittoria prima ancora di disputare tutti i cinque incontri, vincendone subito tre. Trovano al terzo turno lo Shirai Club San Valentino di Salerno, club già medagliato gli anni scorsi e anche vincitore delle classifiche Nazionali. Germinal conduce una gara di altissimo livello, nella quale si mettono in evidenza in particolare Bortolotto, Perino e Andretta vincendo i rispettivi incontri e battendo quindi una delle squadre più forti sulla carta. La gara prosegue con la semifinale, dove di fronte c'è un'altra formazione molto blasonata, la Champion Center di Napoli. Germinal pur vincendo il primo incontro e conducendo un'ottima gara, perde per 3 a 1 una semifinale giocata sugli episodi. La Champion vincerà l’Oro, e Castelfranco viene ripescata per il bronzo: nella finalina i castellani conducono un gara davvero egregia, vincendo ancora una volta tre incontri di seguito e quindi aggiudicandosi il bronzo prima del previsto.

Grande soddisfazione per i coach Alberton e Pizziolo, e soprattutto per gli atleti Alex Berton, Nicolò Sevegnani (Karate Mezzocorona), Davide Andretta, Matteo Simionato, Alex Bortolotto, Matteo Perino (Tsks Belluno), Nicola Basso. Infine la squadra di Kata Maschile Giovanile conduce una gara eliminatoria esemplare, battendo senza lasciare dubbi ogni altro club trovato sulla propria strada: nel primo incontro Karate X Fight, poi la squadra umbra e in semifinale la Jks della Lombardia. In finale tocca agli atleti più esperti del Master Rapid, ma i tre castellani eseguono comunque una prova di ottima qualità: prima la forma Kanku sho (kata di grande difficoltà), e poi il Bunkai, ossia la dimostrazione del Kata. Alla fine arriva un prestigioso e meritato argento per la squadra composta da Pietro Binotto, Riccardo Merola e Tomas Galeotti (Talarico Team Torino). Il coach Paride Bressan commenta con queste parole la prova dei suoi: «Sono atleti molto giovani, ancora di 14 e 15 anni, e sono arrivati in finale con avversari più esperti fino a 18 anni. C’è ancora tanto su cui lavorare, ma sono stati molto bravi». «Tre medaglie a un Campionato Italiano a squadre, non credo sia mai successo a una squadra veneta - commenta il presidente e direttore tecnico del Germinal Karate Castelfranco, Niki Mardegan - Siamo veramente soddisfatti!».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento