Karate, a Ponzano Veneto in arrivo 1200 karateka da 6 nazioni per la Heart Cup

Il prossimo 14-15 aprile si terrà al PalaCicogna la manifestazione che abbatte le differenze nel mondo del karate, organizzata da ASD Ren Bu Kan

PONZANO VENETO La Marca Trevigiana torna ad essere palcoscenico internazionale del Karate Shotokan, dopo i campionati mondiali svoltisi lo scorso settembre. Sabato 14 e domenica 15 aprile, al PalaCicogna di Ponzano Veneto si terrà infatti la 4^ edizione di Heart Cup, trofeo biennale per club e rappresentative regionali e nazionali, organizzato da ASD Ren Bu Kan: chiuse nella giornata di ieri le iscrizioni, che hanno registrato quasi 1200 atleti partecipanti provenienti da 111 società di 6 nazioni diverse.

«Heart Cup è nata otto anni fa con l’obiettivo di creare una gara aperta a tutte le federazioni in cui è frazionato il mondo del karate – spiega il Maestro Davide Michielan di ASD Ren Bu Kan – visto il numero di iscrizioni pervenute per questa nuova edizione, che conferma il successo delle precedenti, possiamo affermare di aver centrato l’obiettivo: tra gli iscritti, infatti, avremo società afferenti a federazioni ed enti di promozione come FIKTA, FIK, JKS Italia e CSEN».

L’evento, patrocinato tra gli altri da FIKTA, Istituto Shotokan Italia e Comune di Ponzano Veneto, quest’anno vanta anche il patrocinio della World Shotokan Karate Association, ente promotore dei campionati mondiali svoltisi sei mesi fa al Palaverde di Villlorba, a testimonianza di come Heart Cup ambisca non solo ad integrare diverse federazioni, ma ad aprirsi anche sempre di più ad una platea internazionale. «Quest’anno potremo contare sulla presenza di alcune rappresentative straniere – prosegue il Maestro Michielan – con squadre provenienti da Slovenia, Romania, Svizzera, Cile e Israele. Nazione, quest’ultima, con cui Ren Bu Kan coltiva da decenni un rapporto di amicizia e collaborazione: saranno, in particolare, una ventina i karateka provenienti dal Medioriente».

Nella due giornate si sfideranno nelle discipline del kumite e kata (individuale e a squadre) atleti di tutte le categorie, dai giovanissimi agli assoluti, tra i quali figureranno karateka di alto profilo agonistico. Anche sotto l’aspetto sportivo, dunque, Heart Cup sarà un’occasione unica per rivivere l’atmosfera mondiale, grazie alla partecipazione di molti dei protagonisti del Palaverde, a cominciare dalle star trevigiane Francesco Ouattara, Abouba Kone e Caterina Dozzo, che oltre a guidare il team Ren Bu Kan, gareggeranno con la rappresentativa ISI Italia, allenata dai maestri della nazionale italiana Silvio Campari e Pasquale Acri.

«Nelle scorse edizioni di Heart Cup hanno prevalso soprattutto gli atleti dei club Yama Milano e Nakayama di Reggio Emilia – aggiunge Davide Michielan – quest’anno confidiamo che, grazie anche all’eco del Mondiale, gli atleti trevigiani si faranno valere. Ma la cosa più importante sarà che Treviso, ancora una volta, sarà protagonista di una grande manifestazione di karate, che ha l’obiettivo di superare le differenze che ancora, purtroppo, frammentano questo sport. Ci aspettiamo, in tal senso, un PalaCicogna esaurito: credo non ci sia modo migliore per comunicare un messaggio condiviso, ovvero che tutti noi, senza differenze, amiamo il karate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento