Karate: Veneto piglia tutto al Grand Prix Nazionale d'Emilia Romagna

Durante la prestigiosa competizione sportiva svoltasi a Cervia durante lo scorso fine settimana sono stati tantissimi i giovani atleti trevigiani che hanno contribuito all'impresa

Veneto piglia tutto al Grand Prix Nazionale d'Emilia Romagna FIK (Federazione Italiana Karate) lo scorso weekend a Cervia con un pieno 
di medaglie d'oro. Nel Trofeo delle regioni gli atleti veneti hanno lasciato solo le briciole agli avversari delle altre 10 regioni italiane che hanno preso parte alla competizione con ben 60 squadre giunte da tutto lo stivale.

Ottima la prestazione degli atleti trevigiani che hanno contribuito all'impresa, Giulia Crosato e Ludovica Modesto (A.D. Nintai-Kan Karate) nel kata, Federico Moro, Giovanni Coletto, Alessandro  Manzato, (A.D. Nintai-Kan Karate), Sara Drali e Stefano Presotto (A.S.D. Shin Wa Kan Karate), Giovanni Torresan (A.S.D. Karate - Do Casale), Amina Kannout (A.S.D. Ku Shin Kay Karate-Do), Marta Scaturin (A.S.D. Karate Do Tenshin Kai), Lisa Cavarzan (A.S.D. Rentai-Kan Karate) nel Kumite. Due giorni di gara con 800 partecipanti dove gli atleti nostrani hanno vinto il prestigioso trofeo in entrambe le specialità con ben 5 ori a squadre su 6 categorie nel kata e 4 su 6 nel Kumite, per la gioia del presidente Regionale Stefano Savorgnan, fiero di aver consolidato una squadra affiatata di tecnici e atleti che sono la locomotiva del Karate FIk Italia. Il più importante appuntamento a livello nazionale sarà a Conegliano con il Campionato italiano alla Zoppas Arena 6-7 aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento