Seconda edizione de “La Centenaria” Trail del Fronte: Monfenera e Palon protagonisti

Un percorso rinnovato e oltre 300 preiscrizioni alle tre gare previste, l’Assessore Maggio: “Con lo sport, territorio e turismo valorizzati”

Sarà domenica lo start della seconda edizione de la Centenaria, evento podistico organizzato dal Comune di Pederobba, Treviso Marathon e Pro Loco, con la collaborazione di oltre 20 associazioni del territorio. Partenza alle ore 8 dall’area della 22esima Festa del Fagiolo Borlotto Nano di Levada con un percorso trail lungo (42 km con dislivello di 1500 m), che si snoderà tra Pederobba, Alano, Cavaso e Possagno toccando le cime del Palon e le sue trincee. Gli atleti correranno su camminamenti e sentieri che nel ‘15-‘18 furono il teatro del Fronte sul Massiccio del Grappa, per una gara che si stima possa impiegare 8 ore.

Alle ore 10 partenza delle due gare gemelle, Cross Country 12 km e l’Avis Run di 7 km, eventi pensati per le famiglie e i corridori meno allenati, alla portata di tutti. Per i partecipanti (per i percorsi di 12 km e di 7 km è ancora possibile l’iscrizione domenica dalle 8.00 alle 9.30 in loco) assicurata una giornata di sole e panorami di sicuro momento oltre che il diretto contatto con la storia “centenaria” del territorio. Il percorso si snoda tra postazioni di soldati, i baraccamenti sul Palon, ricoveri e un ospedale da campo scavato nella roccia al sicuro dai bombardamenti nel versante Monfenera. All’arrivo pasta party offerto dalla Pro Loco di Covolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questo evento - spiega Fabio Maggio, Assessore allo Sport e Associazioni del Comune di Pederobba - rappresenta un passo importante per il territorio coniugando sport e turismo. Ogni anno siamo in grado di portare sul territorio centinaia di persone ad apprezzare i tanti luoghi d’interesse che custodisce.  Abbiamo voluto fortemente questo evento” continua Maggio “perché crediamo che quanto fatto in questi anni per le celebrazione del Centenario della Grande Guerra non possa essere sprecato e dimenticato. L’evento infatti è pensato per durare nel tempo e permettere a quanti visiteranno il nostro territorio di fruire dei sentieri e dei monumenti a cielo aperto come le trincee e i camminamenti che verranno utilizzati durante la manifestazione”. Accanto ai comuni organizzatori e Treviso Marathon oltre 20 associazioni del territorio e 70 volontari presenti sul percorso “cui va un doveroso ringraziamento senza di loro non saremo arrivati a questo punto sono la vera spina dorsale dell’organizzazione” conclude Maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • Istruttore del Cai e lavoratore in cantina: Samuele muore a 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento