Presentata ufficialmente la Duerocche 2019: correrà anche l'iridata Rampazzo

L’evento del 25 aprile offrirà cinque diversi percorsi tra le colline trevigiane: i trail da 48 e 21 km, le prove per tutti da 12 e 6 km e il nordic walking da 14 km

Quarantotto anni di storia. La suggestiva cornice delle colline tra Asolo e Cornuda. Un’emozione che si rinnova ogni anno in una data fissa, il 25 aprile, che gli appassionati portano scolpita nel cuore e nei pensieri. Scatta il conto alla rovescia in vista dell’edizione 2019 della Duerocche, la grande classica dedicata alla corsa (e al nordic walking) in ambiente naturale. Nelle scorse settimane, gli organizzatori e lo sponsor tecnico Scarpa hanno ufficializzato la presenza di Francesca Canepa, l’atleta che a settembre del 2018 è entrata nella storia per essere diventata la prima italiana a vincere il leggendario Ultra-Trail du Mont-Blanc.

Sabato, nella presentazione ufficiale dell’evento, a Cornuda, un altro grandissimo nome è stato ufficializzato in aggiunta a quello della fuoriclasse valdostana: la Duerocche 2019 vedrà al via anche la veneziana Silvia Rampazzo, campionessa mondiale 2017 di corsa in montagna long distance e già preselezionata dalla Fidal per Campionati Mondiali di Trail che si terranno l’8 giugno a Miranda do Corvo (Portogallo). Al maschile, già sicure le adesioni di Marco Zanchi, atleta tra i più noti nel panorama del trail italiano (quattro partecipazioni ai Mondiali di specialità, l’ultima nel 2018, sesto nel 2013 nel massacrante Tor des Geants), e del trevigiano Ivan Geronazzo, a sua volta azzurro e grande amico del comitato organizzatore della Duerocche. Non correrà per vincere, ma sarà sicuramente tra gli atleti più applauditi Igor Cassina, il ginnasta campione olimpico ad Atene 2004 nella specialità della sbarra, ormai trevigiano d’adozione, che da qualche anno ha scoperto la passione per la corsa.               

La Duerocche si svilupperà su cinque diversi percorsi. Gli specialisti del trail potranno scegliere tra la 48 chilometri, con 2.300 metri di dislivello, e la 21 chilometri, con 1.000 metri di dislivello. Previsti inoltre i due tradizionali tracciati di 6 e 12 chilometri, aperti a tutti, e la prova sui 14 chilometri, riservata agli appassionati del nordic walking, che percorrerà il tragitto della Duerocche storica, da Asolo a Cornuda. I percorsi, preparati dai volontari delle Duerocche con un lavoro che dura da mesi, avranno uno sviluppo complessivo di 101 chilometri. E anche quest’anno, come già nel 2017 e 2018, i tracciati di gara più lunghi saranno separati dai più brevi, in modo che gli atleti più lenti non ostacolino i più veloci (e viceversa).

La Duerocche edizione 2019 concorrerà all’assegnazione del punteggio necessario per partecipare a tre gare inserite nel programma del celebre UTMB (Ultra-Trail du Mont-Blanc): la CCC (Courmayeur-Champex-Chamonix) di 101 chilometri con 6.100 metri di dislivello, la TDS (Sur les Traces des Ducs de Savoie) di 119 chilometri con 7.200 metri di dislivello, e l’OCC (Orisières-Champex-Chamonix) di 56 chilometri con 3.500 metri di dislivello. Gli iscritti arriveranno da diverse regioni d’Italia e dall’estero. A Cornuda, nel contesto di una manifestazione in continua crescita sotto il profilo organizzativo (confermati i servizi di massaggi post-gara e di baby-sitting), troveranno anche le splendide t-shirt e maglia-tech in limited edition creata da Delineodesign e la felpa realizzata dalla sponsor tecnico Scarpa che andrà ai finisher della 48 chilometri. Pezzi da collezione che rappresentano uno dei benefit più apprezzati dai partecipanti all’evento.

Per ragioni organizzative, l’insieme delle cinque prove avrà un numero programmato di partecipanti. Seimila in totale, così suddivisi: 400 nella 48 chilometri, 700 nella 21 chilometri, 500 nella Passeggiata Storica, 4.400 nelle due prove aperte a tutti. Nessun dubbio che anche l’edizione 2019 arriverà al tetto di iscritti. Il consiglio è di prenotare il proprio pettorale al più presto. Anche perché - piccola, grande rivoluzione - nessuna delle cinque prove, neppure le due più brevi, quest’anno prevede la possibilità di iscriversi nella mattinata dell’evento. Il 25 aprile, tra Asolo e Cornuda, si correrà anche per le scuole: previsto infatti un montepremi, sotto forma di materiale didattico, da suddividere tra i cinque istituti più numerosi, sulla base di una classifica a cui tutti potranno concorrere (studenti, genitori, simpatizzanti in genere) semplicemente esprimendo il proprio sostegno per una scuola all’atto dell’iscrizione.      

La Duerocche scatterà da via della Pace (zona impianti sportivi sportivi) a Cornuda: alle 7.15 la 48 km, alle 9 la 21 km, alle 9.30 la 6 e la 12 km. Avvio libero, invece, dal centro di Asolo, per la Passeggiata Storica dedicata al Nordic Walking. Sarà possibile seguire le fasi salienti delle prove trail su un maxischermo che sarà allestito in zona arrivo. Novità anche tra gli speaker: a Erica Condio e all’udinese Gilberto Zorat, si aggiungerà il valdostano Paolo Mei, “voce” ufficiale del Giro d’Italia e di tanti eventi sportivi di primo piano. Spettacolo garantito.

Giovedì 18 aprile, intanto, a partire dalle 20.45, alla sala Giuseppe Corso (Viale dei Colli 10) a Cornuda, la Duerocche, in collaborazione con Pharmasport, sarà anticipata da una serata speciale,ad ingresso libero, dal titolo “La bellezza della diversità”, che avrà come protagonisti Moreno Pesce, l’atleta che con la sua protesi in carbonio è diventato una leggenda nel mondo del trail e delle vertical race, Marina Vettoretto, l’atleta paralimpica di Maser vincitrice di due medaglie d’argento ai recenti World Games di Abu Dhabi, e Carlo Durante, campione paralimpico di maratona alle Olimpiadi di Barcellona 1992.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento