Il 50° Trofeo Bianchin di Ponzano Veneto sorride a Di Felice della General Store

Il ds della squadra, Roberto Ceresoli: "Qui siamo in casa della famiglia Zanatta e questa vittoria non può che essere dedicata a Remigio Zanatta che era un uomo dalle qualità straordinarie oltre che un mio grandissimo amico"

Foto dell'arrivo del Trofeo Bianchin. Photo Credits Riccardo Scanferla - www.photors.net

La 50^ edizione del Trofeo Gianfranco Bianchin, messa in cantiere dal Velo Club Gianfranco Bianchin, ha premiato il 22enne pescarese Francesco Di Felice (General Store) bravo ad imporsi allo sprint sul traguardo di Ponzano Veneto al termine di una prova spettacolare ed incerta sino all'ultimo colpo di pedale. In 144 hanno preso il via dalla Bechèr House di Ponzano Veneto per una sfida che, dopo la consueta sfilata degli atleti al foglio firma, arricchita dalla consegna del Memorial Fabio Artuso al campione italiano Under 23, Marco Frigo e dai festeggiamenti per la vittoria numero 1000 di Luciano Rui alla guida della ammiraglia della Zalf Euromobil Désirée Fior, è partita subito ad altissima velocità: la prima ora di gara, caratterizzata da una lunga serie di scatti, infatti, è scivolata via ad oltre 49 km/h di media.La prova che metteva in palio anche l'8° Memorial Cav. Elio Zanatta, il 5° Memorial Denis Urdich e il 3° Memorial Remigio Zanatta si è ulteriormente accesa nel corso delle quattro tornate disegnate sulle strade del Montello dove qualche goccia di pioggia ha reso ancor più insidioso il circuito collinare.

Nel corso dell'ultimo giro ad allungare in solitaria è stato il trentino Riccardo Lucca (Work Service Videa) ripreso dal gruppo solo a cinque chilometri dal traguardo; il plotone composto da una quarantina di atleti si è presentato quindi compatto sul lungo rettifilo d'arrivo di Ponzano Veneto. A prevalere in uno sprint combattutissimo è stato Francesco Di Felice (General Store) che ha preceduto sulla linea bianca il transalpino Anthony Jullien (Chambery) e il laziale Martin Marcellusi (Palazzago). "Questa vittoria è l'ottava del mio straordinario 2019 e non posso che esserne soddisfatto" ha spiegato Di Felice a margine della cerimonia di premiazione. "E' un buon periodo questo per me e oggi, nonostante la gara fosse molto impegnativa, sono riuscito a restare sempre davanti in salita e a conservare le energie necessarie per il finale".

"Qui siamo in casa della famiglia Zanatta e questa vittoria non può che essere dedicata a Remigio Zanatta che era un uomo dalle qualità straordinarie oltre che un mio grandissimo amico" ha aggiunto il ds della General Store, Roberto Ceresoli. "Oggi abbiamo vinto con un bravo ragazzo come Di Felice che, settimana dopo settimana, sta dimostrando tutto il proprio valore e le proprie qualità". Grande la soddisfazione di tutto lo staff del Velo Club Gianfranco Bianchin presieduto dall'appasionatissimo Stelio Pizzolato e coordinato in maniera impeccabile dall'instancabile Antonella D'Incà. "Oggi abbiamo vissuto una gara ricca di colpi di scena e di momenti altamente spettacolari. La pioggia non ci ha fermato e, grazie al lavoro di tutti i volontari, gli atleti hanno potuto gareggiare in piena sicurezza. E' stato bellissimo vedere i ragazzi dare il meglio di sè su questo tracciato e tantissima gente a bordo strada ad incitarli. Voglio ringraziare ancora una volta le autorità, gli sponsor, le forze dell'ordine e tutti coloro che hanno collaborato per la buona riuscita di una edizione speciale del Trofeo Bianchin" ha concluso Stelio Pizzolato.

Ordine d’arrivo:
1° Francesco Di Felice (General Store) che compie i 162,4 km in 3h42'20" alla media dei 43,834 km/h
2° Anthony Jullien (Chambery Cyclisme)
3° Martin Marcellusi (Palazzago)
4° Gregorio Ferri (Zalf Euromobil Désirée Fior)
5° Daniel Smarzaro (General Store)
6° Filippo Magli (Mastromarco)
7° Manuel Belloni (Vc Mendrisio)
8° Emanuele Favero (Northwave Cofiloc)
9° Flavio Tasca (Work Service Videa)
10° Davide Bais (Cycling Team Friuli)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento