Grande prestazione del Mogliano Rugby al Quaggia: battuto il Petrarca Padova

Ottanta minuti più recupero giocati con la concentrazione e lo spirito che da tempo lo staff pretendeva dai propri giocatori, e che da la giusta carica e fiducia per affrontare il resto del Campionato

Una foto del match

E' un Mogliano da applausi quello che oggi ha vinto meritatamente la difficile gara contro il Petrarca. Ottanta minuti più recupero giocati con la concentrazione e lo spirito che da tempo lo staff pretendeva dai propri giocatori, e che da la giusta carica e fiducia per affrontare il resto del Campionato. Partita che per la prima mezz'ora ha visto un gran ritmo tenuto da entrambe le formazioni, con Mogliano che riesce a tenere maggiormente in mano il filo del gioco e mette in grossa difficoltà i tuttineri. Biancoblù che mantengono sempre il vantaggio, anche nel secondo tempo, con i tuttineri che si mantengono comunque sempre potenzialmente in partita. Ritmi più lenti, molte le interruzioni del gioco, e Mogliano che riesce a ribattere sempre colpo su colpo ai tentativi del Petrarca di accorciare il risultato. Un altro 100% al piede di Ormson, una meta di Crosato, l'unica della partita, grazie ad un break del Capitano e uomo del match Filippo Guarducci, una grande difesa e la dimostrazione che la personalità non manca, sono il giusto regalo di compleanno per Mattia D'Anna e regalano anche questa importante vittoria al Mogliano, che ora dopo la pausa dovrà affrontare ana delle quattro squadre in testa alla classifica. Il Valorugby, domenica 22 dicembre sempre alle ore 15, sempre tra le mura amiche del "Quaggia", ancora fantastico come nelle grandi occasioni. "Un grosso in bocca al lupo và a 'Paolino Buonfiglio, uscito anzitempo dal terreno di gioco per infortunio. La vittoria di oggi la dedichiamo a lui e speriamo di vederlo presto nuovamente in campo" fa sapere la dirigenza del club.

Queste le parole de Capo Allenatore Salvatore Costanzo subito dopo il match: “La felicità è tanta, i ragazzi hanno lavorato davvero duro nelle ultime due settimane. Abbiamo preparato al meglio la partita, per loro era importante questo risultato, ma lo era per tutti, staff, Club e tifosi. Contro Padova abbiamo subito sempre tanti punti. Oggi abbiamo messo in campo una buona prova di carattere anche se sono stati fatti comunque degli errori. Dobbiamo avere una conquista più efficace in touche, meno indisciplina, cose su cui lavorare ma la vittoria è una grossa iniezione di fiducia. La cosa importante per i ragazzi è rendersi conto che se lavori bene e entri in campo con il giusto approccio puoi fare belle cose. Con Padova non potevamo entrare e difendere per 80 minuti, volevamo tenere il possesso e soprattutto all'inizio lo abbiamo fatto bene, prendendo fiducia. Allo stesso tempo volevamo limitare il loro gioco da touche e drive, nel quale sono sempre efficaci. In attacco siamo riusciti spesso a mettere giocatori nei canali giusti, anche fisicamente,  evitando di far prevalere la loro forte difesa. Fuori i ragazzi hanno lavorato molto bene, anche difensivamente. Sapevamo di non poter sbagliare nulla e ci siamo riusciti quasi sempre. Ora ci mettiamo Padova alle spalle, siamo con la testa già alla prossima e affrontiamo una partita alla volta." Poi un pensiero pieno di emozione, quasi con le lacrime agli occhi, per Paolo Buonfiglio: "Paolo è un ragazzo del Club, ha fatto la giusta scelta di andare alle Zebre e noi abbiamo avuto fortuna nel poterlo schierare ancora in Top12. Sono cose che capitano ma non si meritava questa sfortuna, è un bravo ragazzo, un bravo compagno e stava aspettando l'occasione giusta per poter esordire con le Zebre. Gli siamo vicini e speriamo di poterlo vedere presto ancora in campo".

Enrico Endrizzi: ”Abbiamo avuto la fortuna di avere due settimane a disposizione per lavorare al massimo. I ragazzi hanno capito l'atteggiamento da tenere in partita, dobbiamo avere pazienza gestire meglio qualche fase di attacco, e potremo essere ancora più pericolosi. Sono comunque soddisfatto di quanto visto oggi in campo, mi aspettavo una buona prova, quella vista oggi è andata forse anche oltre le mie aspettative. In termini di crescita penso che se avremo voglia di provare a sviluppare un gioco ancora più ambizioso, i margini sono notevoli. Quando i ragazzi troveranno piacere nel giocare il possesso facendo po' più di fatica, potremo fare davvero un salto di qualità. Auguro a Paolino un pronto rientro perchè per noi è un amico e un giocatore importantissimo. Allo stesso tempo mi aspetto che i sostituti possano far tesoro dell'opportunità di essere chiamati a tenere alte le prestazioni della prima linea".

Filippo Guarducci: “Penso sia stata una grande prestazione di squadra, sapevamo di dover dare tutto e ognuno ha dato il suo fondamentale contributo. Sapevamo che Padova ha un ottima difesa ma sopratuttto un ottimo attacco, dovevamo giocare noi per provare a limitarlo. Dal punto di vista personale sto vivendo un buon momento ma questo non sarebbe possibile senza l'apporto dei miei compagni. Mi dispiace per Paolo, è prima di tutto un amico, spero possa tornare presto in campo perchè se lo merita. Da domani intanto inizieremo già a pensare alla prossima sfida contro il Valorugby. Siamo solo all'inizio".

MOGLIANO RUGBY 1969 v ARGOS PETRARCA RUGBY 19 – 9 (13-3)

Marcatori: pt. 9' m. Crosato tr. Ormson (7-0); 15' cp. Garbisi (7-3); 22' cp. Ormson (10-3); 40' cp. Ormson (13-3); st. 52' cp. Garbisi (13-6); 54' cp. Ormson (16-6); 71' cp. Garbisi (16-9); 73' cp. Ormson (19-9)

MOGLIANO RUGBY 1969: Abanga; Pavan (75' D'Anna), Scagnolari (57' Cerioni), Pratichetti, Guarducci (Cap.); Ormson, Crosato (79' Fabi); Tuilagi, Baldino (79' Zago), Finotto (v. Cap.); Delorenzi (68' Favretto), Caila; Michelini (65' Alongi), Ferraro (69' Cincotto), Buonfiglio (40' Michielotto). All.: Salvatore Costanzo

ARGOS PETRARCA RUGBY: Ragusi (49' Fadalti); Beraldin, Zini, Broggin, Leaupepe; Garbisi, Chillon (73' Cortellazzo); Trotta , Conforti (56' Manni), Nostran; Gerosa (49' Michieletto), Galetto (80' Gerosa); Scarsini (42' Mancini Parri), Carnio (42' Cugini), Braggiè (49' Borean). All: Marcato

Arb. Manuel Bottino (Roma), AA1 Andrea Spadoni (Padova); AA2 Simone Boaretto (Rovigo), Quarto Uomo: Lorenzo Bruno (Udine)

Cartellini: 25' Giallo Trotta (Argos Petrarca); 78' Giallo Manni (Argos Petrarca)

Calciatori: Ormson 4/4 (Mogliano Rugby 1969); Garbisi 3/4 (Argos Petrarca Rugby)

Note: Pomeriggio coperto, terreno di gioco appesantito ma in discrete condizioni, circa 600 spettatori. Osservato un minuto di silenzio a sostegno della lotta contro la violenza sulle donne.

Punti conquistati in classifica: Mogliano Rugby 1969 4; Argos Petrarca Rugby 0

Man of the match: Filippo Guarducci (Mogliano Rugby 1969)

unnameds-20-8

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento