Vazzola si conferma imbattibile nel tiro alla fune: conquistato un nuovo titolo italiano

Il trofeo è il secondo nel giro di appena un mese. Dopo la vittoria storica nella categoria 700 kg è arrivata anche quella nella sezione dei 640 kg. Scorzè si arrende ancora una volta

VAZZOLA E' un successo sempre più inarrestabile e meritato quello ottenuto nei campionati italiani di tiro alla fune dal Taf Vazzola. La società sportiva trevigiana che appena un mese fa era balzata agli onori della cronaca per aver vinto il titolo italiano di tiro alla fune nella categoria 700 chilogrammi.

Una vittoria storica che nelle scorse ore è stata impreziosita da un successo ancor più clamoroso. Nella serata di sabato 8 luglio infatti il team di Vazzola ha conquistato a Fontigo, anche il titolo italiano della categoria 640 chilogrammi. La gara si è svolta con girone unico in cui Vazzola si è confermata al primo posto con 6 vittorie e un pareggio contro gli acerrimi rivali di Scorzè. La finale, avvincente ed emozionante, si è disputata fra la Taf Vazzola e la Taf Scorzè (finalista anche nella 700kg) ed ha sancito la vittoria della squadra trevigiana. Sul podio anche le Furie Rosse di Tamai, arrivate terze in una competizione difficile da dimenticare per l'incredibile società vazzolese.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento