Due addii pesanti per il Treviso Basket: Vedovato e capitan Fabi lasciano la squadra

Brutto colpo per il team trevigiano che vede due suoi giocatori andarsene per iniziare un nuovo percorso con le maglie della Virtus Roma e della Viola Basket

TREVISO Dopo un'ottima stagione conclusa ai playoff, la De Longhi Treviso Basket perde due importanti giocatori della sua formazione. Stiamo parlando di Jacopo Vedovato e Agustin Fabi. Il primo dei due si trovava in prestito a Chieti dove negli ultimi mesi aveva messo a referto una media di 2.8 punti e 2 rimbalzi in 12 minuti di utilizzo in 30 partite. Fabi invece è stato il capitano della squadra trevigiana durante la scorsa stagione.

Poche ore fa la Viola Basket di Reggio Calabria ha comunicato di aver raggiunto con il giocatore trevigiano un accordo biennale con opzione di rinnovo per il terzo. Tiratore, passatore, difensore aggressivo e uomo squadra, Agustin è un giocatore tattico e duttile che ha aiutato molto il Treviso Basket negli scorsi mesi. "Sono contentissimo di avere ancora l’occasione di giocare in questa Lega, soprattutto in una squadra ricca di storia come la Virtus Roma. Arrivo da una stagione caratterizzata da alcuni piccoli infortuni che mi hanno condizionato parecchio, sono carico per questa nuova sfida e, dopo l’estate in cui voglio mettermi a posto, voglio dimostrare di poter giocare a questi livelli." Queste le parole di Vedovato al suo arrivo a Roma. Per Fabi si tratta invece di un ritorno al passato che ora costringe Treviso a cercare un nuovo capitano per la prossima stagione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Torna la neve a bassa quota: stato di attenzione nella Marca

Torna su
TrevisoToday è in caricamento