Ultima di campionato per il Treviso: contro Tortona in campo con Avis

Biglietti gratis per la partita per coloro che hanno donato il sangue nelle ultime settimane. Un'iniziativa importante per sensibilizzare "al dono"

TREVISO Tutto pronto al Palaverde di Villorba per la speciale partita di domenica 12 aprile.  A tifare per la De’ Longhi Treviso Basket, che alle ore 18 affronterà gli Orsi Tortona, ci saranno infatti anche tantissimi (circa 300) donatori di sangue Avis della provincia, molti con le loro famiglie che hanno aderito alla giornata Avis al Palaverde..

Grazie alla partnership tra la De' Longhi Tvb e Avis, dal 22 marzo alla mattina del 12 aprile, i nuovi iscritti e i già donatori con un’età compresa tra i 18 e i 45 anni che hanno donato sangue o plasma presso i Centri trasfusionali degli ospedali della provincia o le unità di raccolta periferiche hanno ricevuto infatti, un biglietto gratuito per la partita del Treviso Basket di domenica al Palaverde. Molti i momenti speciali domenica al Palaverde: i giocatori entreranno con le magliette Avis che firmeranno e che verranno regalate ai tifosi nel corso di alcuni giochi (tra i quali Avis va a canestro), l’animazione di una mascotte avisina a forma di “goccia”, giochi durante l’intervallo, il lancio di 200 palloni al pubblico da parte di entrambe le squadre, l’alzata in contemporanea di centinaia di cartoncini con la "A", logo di Avis. E durante il gioco nell'intervallo anche il Presidente di TVB Paolo Vazzoler, già iscritto Avis, fara' la sua promessa di donazione a centrocampo. Un punto informativo Avis sarà presente per tutta la serata per qualsiasi dettaglio circa la donazione di sangue e il suo iter, e presso il quale i tifosi interessati possono firmare la propria promessa di donazione; se tale promessa sarà poi confermata con una donazione di sangue entro fine agosto, parteciperanno all’estrazione di due abbonamenti per la stagione 2015/2016 della De’ Longhi

All’esterno del Palaverde sarà allestito un enorme arco Avis, mentre all’interno troveranno posto gli striscioni e un desk informativo. Finalità dell’iniziativa è stare insieme, in un contesto di sport e divertimento, ma anche di solidarietà. Per dire grazie a chi già dona e avvicinare chi ancora non conosce o non ha pensato di compiere questo gesto salvavita. Oltre che per far conoscere meglio la squadra e il gioco del basket. Finalità racchiusa tutta nella foto simbolo dell’impegno dei giocatori per Avis e per il dono del sangue, con il capitano Agustin Fabi particolarmente felice di fare da testimonial ad un gesto che ben conosce, essendo lui stesso già donatore di sangue in Argentina. “L’iniziativa è stata pensata per sollecitare i nostri soci al dono e far conoscere e invitare chi ancora non è donatore a diventarlo – spiega la presidente di Avis provinciale, Vanda Pradal. “Un’occasione per parlare di dono al nostro pubblico che è per lo più giovane –spiega Andrea Gracis, GM De' Longhi Treviso Basket – e per farci conoscere di più visto che siamo una realtà nuova, pur nella continuità con il passato”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Coronavirus a Treviso, 12 persone positive al tampone: scatta l'isolamento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento