Treviso Basket: domenica la prima semifinale contro Treviglio

Comincia con ben due gare al Palaverde la serie delle semifinali scudetto per la squadra trevigiana. Prevendite aperte online e alle biglietterie. Spettacolo assicurato

La De' Longhi Treviso Basket dopo Gara 5 dei quarti affronterà la semifinale playoff della Serie A2 contro la Remer Treviglio, che si è qualificata vincendo al supplementare in casa lo spareggio con la Tezenis Verona.

Gara1 si giocherà domenica 26 maggio al Palaverde, ore 18. Gara2 martedì 28 maggio sempre al Palaverde (ore 21.00 - diretta SportItalia). Gara3 venerdì 31 maggio al PalaFacchetti di Treviglio ore 20.30. Gara4 (eventuale) domenica 2 giugno al PalaFacchetti di Treviglio ore 18. Gara5 (eventuale) mercoledì 5 giugno al Palaverde ore 20.30. Tre gare su 5 saranno dunque in casa per i trevigiani che puntano tutto sul sostegno della tifoseria per portarsi subito avanti nella serie scudetto. Le prevendite per le semifinali sono disponibili: online su www.trevisobasket.it, sezione biglietteria fino a domenica ore 12, e punti vendita Vivaticket. Alla palestra Sant'Antonino da lunedì a venerdì dalle 17 alle 20, sabato 10-13 e nei punti vendita Wind (Treviso, Silea Emisfero, Conegliano) e Elettrodomestici Zanatta a Camalò fino a sabato in orari di apertura.

IL "FOCUS" SULLA REMER TREVIGLIO

La giovane squadra di coach Vertemati (ex trevigiano con la Benetton nel settore giovanile e da assistente) anche quest'anno ha stupito tutti con il terzo posto in regular season ad Ovest e due turni dplay off a battaglia vinti a gara5, prima con i Roseto Sharks e poi con una delle "big" dell'Est, la Tezenis Verona, eliminata nello spareggio di mercoledì al supplementare dopo una partita incandescente, decisa dalle bombe finali di Carotti. Attorno agli stranieri Roberts e Nikolic (14 punti abbondanti a sera per entrambi nei play off) e a un paio di veterani "di categoria" come il lungo Borra (un 2,15 da 11 punti a gara con 7 rimbalzi) e l'esterno Reati (7.5 punti con il 61% da due e il 43% da tre, arrivato in corso di stagione), una nidiata di giovani rampanti come il play Caroti (13 punti e 3.5 assist), Palumbo (6.9 e 5 rimba), D'Almeida (5.8 punti) e il gioiellino Pecchia (8 punti e 3 assist nei play off dove ha giocato solo 4 partite, quasi 14 punti in regular season), reduce da un infortunio, che è uno dei prospetti più importanti del basket italiano.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento