Isaac Fotu si presenta: «I fan sono fantastici e Treviso è un bel posto in cui vivere»

Le parole della nuova ala TVB dalla Nuova Zelanda

Isaac Fotu

Abbiamo "intercettato" Isaac Fotu in Nuova Zelanda dove sta preparando i Mondiali con la sua nazionale. Fotu, 25 anni, 203 cm, ala forte con passaporto inglese, è stato annunciato nei giorni scorsi come uno dei componenti del reparto-lunghi della De' Longhi Treviso Basket 2019/20.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Isaac perché dopo i due anni a Ulm in Germania hai scelto la De' Longhi Treviso?
"Ho scelto questa squadra perché sembra un'ottima situazione per me. Ho parlato con l'allenatore e sono d'accordo su tutto, ho trovato sintonia con quello che mi ha detto, penso che ci sia un buon piano per la nuova squadra. Inoltre ho sentito che i fan sono fantastici ed è anche un bel posto in cui vivere."
Sarà la tua prima stagione nel campionato italiano, è un passo importante per la tua carriera?
È la mia prima stagione in Italia e sono entusiasta di vedere com'è questa nuova lega. Non la conosco molto, ma sono curioso e carico di affrontare questa nuova tappa della mia carriera. Penso che sia importante per la mia carriera giocare in più campionati e avere esperienze diverse in realtà sempre competitive.
Raccontaci la tua storia ... perché un figlio di un giocatore di rugby internazionale sceglie il basket in Nuova Zelanda? 
"Sono cresciuto giocando a rugby fino a quando avevo 15 anni. Tutti in Nuova Zelanda giocano a rugby, quindi era abbastanza normale, ma quando avevo 15 anni ho deciso di abbandonare il rugby e giocare a basket perché mi divertivo molto ed è uno sport che mi ha stregato."
Chi è il giocatore che ti ispira? Il tuo esempio
Penso che il giocatore che mi ispira da quando ero più giovane è Mika Vukona dalla Nuova Zelanda. Mi piace il modo in cui gioca e l'intensità e la fisicità con cui affronta le partite.
Hai parlato con l'allenatore Menetti? Cosa pensi di poter dare al squadra?
Ho parlato con coach Manetti e penso di poter portare in campo tutto ciò di cui la squadra ha bisogno. Sarò pronto a giocare duro tutto il tempo in cui il coach mi farà giocare e ad aiutare la squadra in ogni modo necessario per provare a vincere più partite possibile..
Le tue abilità: cosa puoi fare bene e cosa vuoi migliorare?
Penso di essere portato a dare energia e fisicità sotto canestro, mi piace catturare i rimbalzi e difendere nel miglior modo possibile. Aiuterò anche a segnare quando la squadra ha bisogno.
Racconta un po 'di te ai tuoi nuovi fan, hobby, altri sport..
Mi piace guardare il calcio e il rugby. Sono una persona positiva a cui piace ridere e scherzare molto.
Giocherai per la seconda volta ai Mondiali con i "Tall Blacks", quali sono i tuoi obiettivi?
Ai Mondiali vogliamo finire il più in alto possibile. Siamo sempre gli "underdog", ma ogni volta riusciamo a fare qualcosa di più del previsto nelle grandi competizioni, quindi stiamo lavorando per farlo di nuovo anche in Cina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

  • Assalti ai bancomat di Toscana e Liguria, sgominata banda di giostrai

Torna su
TrevisoToday è in caricamento