Il sitting volley da settembre entra a Treviso

La disciplina paralimpica è una delle punte di diamante di Kosmos volley

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Un progetto ambizioso quello di Kosmos Volley, società con sede a Zero Branco operante nel settore giovanile del panorama della pallavolo trevigiana, che dalla scorsa stagione ha voluto ampliare la sua proposta affiancando il sitting volley alle categorie indoor maschile e femminile. La formazione, guidata dall’allenatore Marco Mestriner, ha partecipato negli ultimi dieci mesi a diversi importanti eventi, tra cui il torneo internazionale Barattin a Pordenone, sport Expo a Verona con la Nazionale maschile di sitting volley e l’evento Gioca Estate con le Stelle in piazza Unità d’Italia a Trieste, e ha concentrato la sua opera di promozione con il lavoro nelle scuole della Marca e oltre. “Il sitting volley è per tutti” afferma Marco Mestriner “nato come disciplina per persone con disabilità ha il suo punto di forza nell’essere totalmente inclusivo poiché con esse possono scendere in campo atleti normodotati con cui senza alcuna differenza si condivide il lavoro in palestra, creando così uno speciale gruppo di persone che si sostengono a vicenda. L’attività con le scuole ci ha insegnato poi che non ci sono limiti di età per avvicinarsi a questo sport”. Fatto tesoro dell’esperienza appena della stagione appena conclusa, il sodalizio zerotino ha deciso di dare alla disciplina paralimpica una collocazione di rilievo, con l’idea di portare dal prossimo settembre la squadra all’interno della città di Treviso. Questa proposta ha trovato da subito due importanti sostenitori che hanno deciso di offrire il proprio sostegno e collaborazione. In prima battuta il Comitato Paralimpico che da poco ha inaugurato la sua nuova sede trevigiana guidata dal delegato Davide Giorgi, a cui si è da subito affiancato con entusiasmo il CSI di Treviso con il suo presidente Lelio Raffaelli. “Pensiamo che i tempi siano maturi per dare al sitting volley trevigiano una vera connotazione di rappresentanza per il territorio, che sia riconosciuta a livello regionale e nazionale” parole di Luigi Cecconi presidente di U.S. Albertina – Kosmos Volley che continua “ la vetrina che offre la città di Treviso darà la possibilità a questo sport di crescere sia in termini di obbiettivi sportivi che di numero di atleti, siamo orgogliosi e onorati di aver trovato da subito due partner importanti come CIP e CSI”. Chiunque fosse interessato a provare il sitting volley può contattare la società alla mail u.s.albertina@hotmail.it .

Torna su
TrevisoToday è in caricamento