Continua lo spettacolo alla Treviso Swim Cup: giornata da record per Marco Orsi

Dopo il grande successo della prima giornata di gare, la manifestazione sportiva in programma a Treviso entra nel vivo con un grandissimo record fatto segnare nei 50 stile libero

TREVISO E’ Marco Orsi il grande protagonista della seconda giornata di Treviso Swim Cup, al Centro Natatorio Comunale di Treviso. Dopo aver vinto ieri sera la gara dei 100 sl in 00:50.18 e battuto il record della manifestazione di Mattia Zuin (00:51.14), quest’oggi il bolognese Orsi ha fatto di meglio, vincendo i 50 sl con il tempo di 00:22.68 e superando così un suo illustre predecessore alla Swim Cup, il sudafricano Chad Le Clos, che deteneva il record di 00:22.70.

Tra le altre gare in programma, nei 100 rana ancora una volta si sono presentati ai blocchi i grandi ranisti della manifestazione, Titenis, Crespo e Skagius. Ad aver la meglio è stato nuovamente il lituano, vincitore con 01:01.91, mentre il panamense Edgar Crespo si è aggiudicato il terzo posto (01:03.48), alle spalle di Moises Loschi di Veneto Banca Montebelluna (01:02.39) e davanti allo svedese Johannes Skagius (01:03.72). Alla fine, ad aggiudicarsi il premio per la migliore prestazione individuale maschile della manifestazione è Luca Pizzini, veronese di Fondazione Bentegodi, autore di un buon tempo nei 200 rana di ieri (02:14.14), valso 849 punti. Dietro di lui, Titenis (836) e Crespo (819). Tra le prestazioni femminili, a primeggiare sono le atlete austriache Christina Nothdurftere e Claudia Hufnagl di USC Graz. La prima, classe 1994, si aggiudica la miglior prestazione individuale assoluta con il tempo record della manifestazione di 00:31.98 nei 50 rana e segna un altro miglior tempo per Treviso Swim Cup nei 200 rana (02:35.38). La seconda, classe 1996, migliora di quasi 3 secondi il record locale dei 200 misti (02:18.80) e di quasi 2 quello dei 200 farfalla (02:14.11).

La terza edizione di Treviso Swim Cup a Treviso ha confermato i numeri di una manifestazione giovane, ma già entrata in pianta stabile nell’agenda del grande nuoto nazionale. Oltre mille gli atleti iscritti di 56 società provenienti da tutta Italia, circa 3500 presenze gara spalmate in un programma di 22 ore di gare aperte a tutte le categorie, dagli esordienti agli assoluti. «Offriamo agli atleti la possibilità di gareggiare in quante gare vogliono – spiega Roberto Cognonato, direttore del Centro Natatorio Comunale di Treviso – in tal senso, non esiste una manifestazione simile a questa, con questi numeri e un simile lavoro organizzativo. L’obiettivo di Treviso Swim Cup è valorizzare il vivaio giovanile locale, con un format che permette ai più giovani di stare a fianco degli atleti più esperti e dei professionisti, molti dei quali quest’anno già qualificati per i mondiali di Budapest, seguendoli da vicino». Da quest’anno Treviso Swim Cup, inoltre, è entrata a far parte del Circuito Nuoto Italia, trittico di meeting che coinvolge le città di Bressanone, che ha aperto il calendario del Circuito lo scorso 27-28 maggio, e di Pesaro, che lo chiuderà con la Rossini Swim Cup in programma dal 30 giugno al 2 luglio. Al termine delle tre manifestazioni verrà stilata la classifica finale del Circuito e saranno premiati con 1500 euro il migliore atleta maschile e femminile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Malore fatale: il cuoco dell'osteria Al Baston muore a 59 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento