A Resana si "surfa" con i campioni di wakeboard

Appuntamento da non perdere il 21 luglio al "veneto Cable Park" di Resana. si assegnano i titoli italiani a categorie

RESANA Per la prima volta in Veneto, a Resana saranno assegnati sabato 21 luglio  i titoli italiani a categorie nella disciplina Cable Wake. Il club organizzatore, la ASD Veneto Cable Park apre i propri spazi  per accogliere nell’impianto cable  di recente installazione riders  di tutte le età e tutte le categorie  in competizione  per la conquista dei titoli  italiani. Sono più di 50 gli iscritti, molti gli stranieri in gara, per i quali non è in palio il titolo, e praticamente  tutti gli atleti della Nazionale attualmente  in raduno a Milano, presso l’impianto dell’Idroscalo fino al 19 luglio.

Il cable wake  è una disciplina giovane che deriva dallo snowboard lo sciatore è trainato sull’acqua da un cavo tipo skilift e può rendere la propria run più difficile e interessante salendo sugli ostacoli posti nel percorso. A Resana  i rider più esperti affronteranno: Ollie Box, Rooftop, Elephant Slide, Box Slide, Funbox, Kickers e Up Rail Pipe. Gli atleti saranno selezionati secondo un sistema heat system (batterie) di qualificazione,  con  ripescaggi, finali e semifinali. Ciascuna prestazione prevede 2 run che saranno  giudicate dagli Ufficiali di Gara secondo due criteri fondamentali: la performance tecnica  e l’impressione data da controllo, sospensione e pulizia nello stile. Sono aperte anche le categorie Wake Skate (variante  con le scarpette appoggiate e non fissate  alla tavola) e Seated (paralimpici). Tenteranno di riconfermare il proprio primato i campioni incoronati l’anno scorso nelle categorie principe: la open femminile e maschile, Claudia Pagnini (di Cattolica RN)  e Noah Gessi  di Ravenna.

Veneto Cable Park si trova a Resana e utilizza per l'impianto di Cable wake il Lago Boscalto. Si tratta di un bacino esitato da attività estrattiva. Trent’anni fa la famiglia Carraretto lo aveva rilevato  dai cavatori Bastianello, a coltivazione ultimata, come area edificabile approvata nel PRG del Comune di Resana, che stava programmando la nuova viabilità della SS del Santo. L'area era ed è indubbiamente strategica,  a ridosso di una grande rotatoria programmata per la nuova viabilità, tra le province  di Treviso, Padova e Venezia, prossima a Vicenza. Mario Carraretto l'aveva trasformata allora in bacino di pesca sportiva, soprattutto per arginare il rischio di degrado ambientale derivato dallo smaltimento abusivo di rifiuti. Soltanto due anni fa venne realizzato l'impianto per praticare cable wakeboard, uno sport che sta emergendo anche in Italia, dove esistono altri cinque impianti di questo livello, uno dei quali a Carbonera nel trevigiano. 

Per i Campionati Italiani del prossimo 21 luglio stanno arrivando appassionati da tutta Europa, anche in vista dei Campionati Europei del 12/19 agosto a Milano. Una decina di riders partecipanti alla competizione nazionale proviene dal Veneto. Tra questi Rocco Cukusic di Resana e i fratelli Nicole e Anthony Regazzo di Fiumicello di Campodarsego (PD). Mentre fervono i preparativi di Veneto Cable Park ASD, presieduto da Elvis Cukusic, a Resana c'è grande attesa per un evento che promette  spettacolo e valorizzazione del territorio. L'Amministrazione Comunale di Resana, che patrocina la manifestazione, fa sapere attraverso il sindaco Stefano Bosa: 'Siamo onorati di ospitare i Campionati Italiani di questa spettacolare attività agonistica, che valorizza il nostro territorio ed è rivolta soprattutto ai giovani, per i quali abbiamo una particolare attenzione come Amministrazione. Nel caso del Lago Boscalto l'iniziativa imprenditoriale ha evitato il degrado di un'area di grande interesse naturalistico e ambientale, promuovendo al contempo sport, turismo e socializzazione.’

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento