"Badabùm": ecco il videoclip del vittoriese Gerardo Pozzi vincitore del Premio De Andrè

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

E' uscito in questi giorni, in anteprima su Il Fatto Quotidiano e successivamente visibile a tutti su YouTube, il videoclip del brano musicale vincitore del Premio De Andrè del cantante vittoriese Gerardo Pozzi. Il brano in questione si intitola Badabum ed è stato apprezzato da star del calibro di Fiorella Mannoia e Giorgio Conte. "Badabùm è nata di getto, camminando in un bosco verso l'imbrunire - asserisce il musicista - con delle lucciole che facevano da strada. Tornando a casa le parole sono fluite. Parla della mia vita e di me, ma forse della vita di molti. Del rischio e della paura di impazzire, a causa dell'essermi sempre sentito diverso (e quindi sbagliato) rispetto al resto del mondo, che si autodefiniva giusto e perfetto. Ma è anche la storia di un possibile riscatto".

Il videoclip girato tutto tra Treviso e Conegliano, è diretto dal registra trevigiano Michele Pastrello, autore di vari videoclip e di micro-movie emozionali, sintetizza le suggestioni del brano, partendo da un aforisma del filosofo greco Epittèto: “Nessuno è libero finché non è padrone di se stesso”. Il protagonista è l’attore Diego De Francesco, assieme ad Arianna Addonizio e Fabio Benetti. Il cast è completato dalla partecipazione straordinaria della cantautrice trevigiana Erica Boschiero, che ha amichevolmente creduto al progetto. Il videoclip di Badabum anticipa la produzione del nuovo disco di Gerardo Pozzi che è attualmente in fase di incisione e di cui si prevede l'uscita nei primi mesi del 2018.

Potrebbe Interessarti

  • Bomba d'acqua su Cornuda, strade come fiumi e allagamenti

  • Bici gettata al passaggio del Giro, il video del gesto di follia

  • Arriva il Giro: chiusa la A27 tra Conegliano e Belluno, garantito un bypass per il "Canova"

  • Oderzo invasa dall'acqua, decine di allagamenti: superlavoro per i vigili del fuoco

Torna su
TrevisoToday è in caricamento