Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Cassa edile unica per Padova e Treviso: previdenza per oltre 10mila lavoratori

Fiorenzo Corazza, presidente di Ance Veneto, spiega l'importante accordo tra le rappresentanze di Ance e sindacati di categoria per dare maggiore assistenza e un nuovo welfare ai lavoratori del settore edile veneto

 

Nasce ufficialmente la Cassa Edile di Mutualità e Assistenza Interprovinciale del Veneto (Ceiv) dall’integrazione delle casse edili di Treviso e di Padova.

La presentazione è avvenuta oggi, lunedì 28 ottobre a Treviso, presso la scuola edile, con Mauro Cazzaro, presidente di Ance Padova, e Fiorenzo Corazza, presidente di Ance Treviso/Assindustria Venetocentro, e per il sindacato di categoria Feneal Uil Area Vasta Veneto, Gino Gregnanin e Gianluca Quatrale, Filca Cisl, Marco Potente (Treviso) e Giorgio Roman (Padova), Fillea Cgil, Veronica Gallina (Treviso) e Dario Verdicchio (Padova). L’ente bilaterale paritetico tra le rappresentanze dei datori di lavoro di Ance e dei lavoratori con le Organizzazioni Sindacali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil è istituito dalla contrattazione collettiva tra le parti ed eroga importanti prestazioni ai dipendenti in materia di assistenza, previdenza e welfare, ed alle imprese.Importanti i numeri con cui opererà Ceiv: 1400 aziende iscritte nei due territori per 10.550 lavoratori attivi e una massa salariale complessiva di 112 milioni di euro. La sede legale di Ceiv sarà a Padova e verranno mantenute con piena operatività le attuali sedi a Treviso come a Padova. Numerose e importanti le prestazioni erogate dalle Casse edili ai lavoratori, che tengono conto della particolare situazione contrattuale del settore. Tra queste vi sono quelle di tipo contrattuale e previdenziale (ferie, gratifica natalizia, Ape – anzianità professionale edile), assistenziale (integrazione della retribuzione in caso di malattia e infortunio) e di welfare (borse di studio per i figli, compartecipazione spese mediche eccetera). Guardando ai numeri tra Padova e Treviso nell’ultimo anno le Casse edili hanno erogato 1.654.055 euro per prestazioni assistenziali 16.556.755 per la gratifica natalizia ai lavoratori, 5.121.811 euro per l’Ape – anzianità professionale dell’edilizia. E vi sono, tra l’altro, anche 247.706 euro per borse di studio e  285.682 euro di cure dentarie. Va inoltre ricordato che la Cassa Edile opera in parallelo con gli enti edili per la formazione e la sicurezza (che sono presenti sia a Treviso che a Padova), organismi anch’essi bilaterali tra Ance e Sindacati, che promuovono la formazione professionale per i giovani (prima formazione e apprendistato), per i lavoratori già attivi (corsi di aggiornamento e per la sicurezza sul lavoro) e visite sui cantieri finalizzate a sviluppare i principi della salvaguardia della sicurezza e della salute dei lavoratori.

«La nuova Cassa Edile unica per Treviso e Padova permette una significativa razionalizzazione dei costi e un incremento dell’efficienza e della sostenibilità finanziaria delle gestioni che sono affidate per statuto a questo ente. Si liberano così risorse che potranno essere utilizzate per potenziare ulteriormente le prestazioni e i servizi ai lavoratori. E’ un processo che si accompagna a quanto già avviene  nella rappresentanza imprenditoriale, con la costituzione di Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova Treviso e come questo ha un carattere inclusivo verso le imprese e il territorio veneto”, dichiarano Fiorenzo Corazza (Ance/Assindustria Venetocentro ) e Mauro Cazzaro (Ance Padova). I segretari provinciali di Feneal Uil, Gianluca Quatrale e Gino Gregnanin, Filca Cisl, Marco Potente e Giorgio Roman, Fillea Cgil, Veronica Gallina e Dario Verdicchio, dichiarano: «La fusione delle casse edili di Padova e Treviso con la nascita della Cassa Edile Interprovinciale del Veneto–C.E.I.V. conferma la necessità di garantire il rispetto di regole per una leale concorrenza tra le imprese e di contratti per la tutela dei diritti dei lavoratori con un Ente Bilaterale rafforzato per un settore, come quello edile, che la crisi ha reso ancora più frammentato. La nascita della C.E.I.V. inoltre ribadisce l’importanza che le parti sociali attribuiscono alla “mutualità”, principio di solidarietà del sistema bilaterale, per il quale la nuova e più forte Cassa Edile sarà in grado di erogare migliori prestazioni a lavoratori e imprese». La Cassa Edile di Mutualità e Assistenza Interprovinciale del Veneto è attiva ufficialmente dal 1 ottobre 2019. Il Comitato di Gestione è composto da: Giacomo Cavagnis, Ance (Presidente), Gabriele Serraglio Fillea-Cgil (Vice Presidente), Silvia Basso Ance, Italo Comarella Ance, Gino Gregnanin Feneal-Uil, Luca Guidolin Ance, Leonardo Pesadori Ance, Zelio Pirani Ance, Marco Potente Filca-Cisl, Gianluca Quatrale Feneal-Uil, Giorgio Roman Filca Cisl, Dario Verdicchio Fillea-Cgil.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento