Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, i Jalisse cantano l'Inno di Mameli per incoraggiare i cittadini nell'emergenza

Si tratta di un progetto di sensibilizzazione sociale voluto dal Comune di Oderzo

 

In piazza Grande a Oderzo, nelle scorse ore, è andato in scena un progetto di sensibilizzazione sociale (con il patrocinio del Comune) per incoraggiare e spronare gli opitergini duramente colpiti, come tanti altri italiani, dall'emergenza del Covid-19. «Questo triste evento ha stravolto il nostro quotidiano, ci ha resi tutti più deboli e insicuri, sta minando il nostro lavoro alimentando paure, sta trasformando le nostre abitudini ed i nostri contatti umani - dichiarano Fabio Ricci e Alessandra Drusian, in arte i Jalisse - Ci muoviamo come zombie impauriti nascosti da mascherine senza riconoscerci e senza più salutarci con la stretta di mano che aveva per noi il valore del contatto. Le piazze, i negozi, i campi, le strade, i cinema, teatri, ristoranti, bar...luoghi di amicizia e di scambio sono diventati luoghi isolati e tristi ed il lavoro per tutti è bloccato con un grande lucchetto. Ma tutto finirà e saremo più forti di prima e vogliamo dimostrarlo attraverso la città di Oderzo che è pronta per ripartire con la sua popolazione, solidale con chi soffre e con chi, sotto il tricolore, vive ancora le paure di un dramma. Vogliamo coinvolgere ed evidenziare i lavoratori, motori della economia di una collettività».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento