Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Ancora problematiche al Ponte di Vidor, il consigliere Fabio Maggio lancia l'allarme

"Il ministro Toninelli e il Governo devono intervenire subito, stanziando i fondi che servono alla costruzione del nuovo ponte"

 

VIDOR E’ sceso sul greto del Piave il consigliere comunale di Pederobba Fabio Maggio per constatare di persona la situazione statica dei piloni e delle arcate del Ponte di Vidor: “Ora che le acque si sono ritirate si possono raggiungere tranquillamente tutti i piloni del ponte, almeno quelli che non sono sommersi dalla vegetazione” dice il Consigliere. “Non sono un tecnico e non mi spingo a definire la situazione strutturale del ponte, abbiamo scattato foto precise e specifiche di alcune fessurazioni e alcuni crepe la cui entità spetterà valutare al ministero a cui manderemo tutto l’incartamento insieme alla lettera in cui chiediamo l’immediato intervento del Governo per mettere in sicurezza il ponte attuale e stanziare subito i 40 milioni necessari alla costruzione del nuovo".

“La situazione più grave ad occhio nudo è quella della vegetazione, oramai selvaggia che copre un quarto dei piloni ed è costituita da alberi anche di grandi dimensioni, una piena improvvisa potrebbe avere gravi conseguenze.” Denunciamo la situazione da tempo ora basta, serve intervenire". Una proposta che fa il paio con l’iniziativa del parlamentare pederobbese Raffaele Baratto che qualche giorno fa ha annunciato la presentazione di un emendamento alla finanziaria per lo stanziamento di 40 milioni di euro nella prossima finanziaria per realizzare il nuovo ponte “chiederò che l’emendamento sia firmato da tutti i parlamentari trevigiani” afferma Baratto “non ci sono più scuse, ora o mai più".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento