Balli e musica folk per gli anziani di Villa delle Magnolie

Il gruppo folkloristico bielorusso Viazanka si è esibito per gli ammalati della casa di cura e per gli anziani della casa di riposo Villa delle Magnolie a Monastier

 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Per loro l'Italia è qualcosa di speciale, il mare, il sole e l’accoglienza della gente. In particolare quella degli ammalati e degli anziani. Martedì 24 e mercoledì 25 luglio i 36 giovani bielorussi del gruppo folcloristico Viazanka di Minsk, uno dei migliori gruppi folkloristici del paese, si è esibito per ammalati e anziani prima nel piazzale della Casa di Cura “Giovanni XXIII” e poi al Centro Servizi “Villa delle Magnolie” di Monastier. Due giornate di festa che, come vuole la tradizione che dura ormai da quasi 20 anni, sono state organizzate per portare un po’ di allegria e spensieratezza a chi, nonostante il periodo di vacanze, non ha modo di muoversi. Viazanka è il gruppo folkloristico più richiesto e più seguito in Bielorussia e si è esibito in tutti i paesi del mondo. Tra le sue fila ci sono ragazzi ora diventati personaggi di spicco della televisione, del teatro e della musica del loro paese. In Italia ritorna ormai da 35 anni e, grazie all’organizzazione di Sergio Zanellato, fa base a Trevignano comune che lo ospita. Nell'arco di una settimana hanno proposto spettacoli un po’ in tutto il Veneto. E’ stato emozionante martedì 24 luglio per i molti ammalati della Casa di Cura assistere dalle loro finestre ai balli e canti del gruppo. Tanti parenti dei pazienti, incuriositi, si sono fermati ad assistere all’inatteso quanto straordinario spettacolo che il giorno successivo è riuscito ad entusiasmare anche gli anziani e ospiti del Centro Servizi “Villa delle Magnolie”. Un’ora e mezza di balli, canti e musiche della tradizione russa: dalle repubbliche baltiche a quelle delle popolazioni ebraiche e zingare. Tra un ballo e l’altro, in velocità, gli artisti hanno fatto ben 9 campi di abiti, tutti bellissimi e curati in ogni minimo dettaglio come vuole la loro tradizione. Sul palco anche i concertisti che hanno accompagnato i canti e i balli suonando i tipici strumenti russi, tra questi anche la famosissima balalaika. 

Ad accoglierli a “Villa delle Magnolie, dopo i saluti inviati dalla presidente Emanuela Calvani e dall’amministratore delegato della “Giovanni XXIII” Gabriele Geretto, il direttore del Centro Servizi Flavio Ogniben e  il sindaco di Monastier Paola Moro. “C'è un legame forte tra la comunità di Monastier e la Bielorussia. Un legame che dura dal 1994 quando arrivarono nel nostro paese, durante il periodo estivo, 10 bambini che altrettante famiglie locali hanno ospitato per le vacanze. Un legame che è andato avanti per anni e che io stessa porto nel cuore” ha detto il primo cittadino. Infatti, sia il sindaco Paola Moro sia la famiglia Geretto per molti anni hanno ospitato, durante le vacanze estive, i bambini bielorussi con i quali ancora oggi, che sono diventati adulti, mantengono contatti di amicizia. Fondatore e direttore del gruppo dei Viazanka è Leonid Tuschinski. ”Vogliamo continuare la tradizione che lega il nostro paese all’'Italia ormai da 35 anni. L'Italia è bellissima. Ci piacciono il sole il mare ma ci piace soprattutto incontrare la gente - ha detto Leonid Tuschinski al termine dello spettacolo - Un grazie particolare a quanti vengono ad assistere ai nostri spettacoli e a questi anziani ai quali auguriamo tanta salute” ha detto il direttore dei Viazanka Leonid Tuschinski.

“Una sorta di ‘gemellaggio’, partito per caso grazie ai rapporti di amicizia creatisi 35 anni fa con l'organizzatore che ora è diventato il rettore della facoltà di italiano all'Università di Minsk - ha detto Sergio Zanellato promotore da sempre dell’iniziativa - Si è creato una specie di debito affettivo nei confronti di questi ragazzi perché sappiamo che venire in Italia, per loro, è come sognare. L'Italia vuol dire sole, mare, gente simpatica, mangiare anche bene. Molti di loro altrimenti non avrebbero la possibilità di uscire dalla Bielorussia. Trascorrere una settimana nel nostro Paese, nonostante gran parte di questi giovani siano dei professionisti, per loro è qualcosa di speciale”. 

Il gruppo dei Viazanka è composto da 7 cantanti tutti professionisti, 10 musicisti tra cui docenti universitari e concertisti e 18 atletici ballerini dall’incredibile abilità tanto da far rimanere a bocca aperti molti anziani che hanno assistito ai loro gesti acrobatici.

I Viazanka partiranno dall’Italia, per rientrare in Bielorussia, domenica 29 luglio. Siamo certi che quel giorno ci si saluterà con un arrivederci!

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento